Condividi

IL TEMPO DELLE MAGNOLIE. RICHARD MILLE, PER UN MOMENTO, METTE DA PARTE LO SFOGGIO DELLA TECNICA FINE A SE STESSA PER ESALTARE L’ESTETICA E IL PURO PIACERE EDONISTICO DELLA “FRIVOLEZZA MECCANICA”. UNA MAGNOLIA CHIUSA SBOCCIA “A TEMPO DI TOURBILLON” E LO STAME DI SOLLEVA PER FAVORIRE L’IMPOLLINAZIONE.

Al SIHH – Salone dell’Alta Orologeria di Ginevra 2015 Richard Mille stupisce il pubblico con un eccezionale modello, che porta la classica complicazione del tourbillon a esiti straordinari nell’ambito del virtuosismo tecnico.

Comunemente noto per essere considerato “una Formula 1 da polso“, questa volta Richard Mille dirige la sua competenza tecnica verso un fine nettamente più frivolo ma non meno sbalorditivo.

Il tema, infatti, è quello della ricerca dell’imitazione della natura, gioia e sollazzo per gli annoiati reali d’Europa del ‘600 e del ‘700. Per i loro incontentabili desideri di fanciulli viziati, i migliori artigiani del continente realizzarono meccanismi stupefacenti, oggetti meccanici (e tra essi, appunto, anche orologi) che si muovevano come animati da qualche forza ultraterrena. Il loro destino fu esclusivamente quello di soprammobili ma, fortunatamente, sono stati eternati come capolavori di tecnologia e tecnica, in un’epoca in cui queste scienze erano tutte da inventare.

Il Richard Mille RM 19-02 Tourbillon Fleur reinterpreta questa tradizione giocando con il tourbillon. Come noto, fu inventato agli inizi dell’800 da Abraham Louis Breguet come un espediente tecnico per risolvere i problemi di precisione del movimento ma, oggi, il suo ruolo primordiale è stato ormai soppiantato dal suo mero valore estetico.

Richard Mille ha portato all’ennesima potenza lo spettacolo del tourbillon, trasformandolo in un “meccanismo automa“: nel nuovo calibro RM 19-02 questo è racchiuso in una piccola riproduzione di un fiore di magnolia. I petali sono realizzati in oro bianco 18 carati. Essi si aprono ogni 5 minuti e, nello stesso tempo la gabbia volante (collegata a un lungo pignone) si solleva di 1 mm simulando la sbocciatura del fiore e l’esposizione dello stame all’impollinazione. Il sistema è animato da un secondo bariletto di carica. A richiesta, però, premendo il pulsante a ore 9, la magnolia sboccia proponendo questa affascinante animazione.

A ore 1 è posizionato il piccolo contatore dell’ora.

La cassa tripartita del Richard Mille RM 19-02 Tourbillon Fleur è completamente incastonata con brillanti. Misura 45.40 x 38.30 x 12.55 mm. Il calibro Calibro RM19-02, presenta la platina in titanio grado 5, Bilanciere in Glucydur a inerzia variabile con 2 bracci, Spirale ELINVAR di Nivarox, 21.600 alternanze l’ora, 36 ore di riserva di carica. La cassa è impermeabile fino a 50 metri e si indossa con un cinturino di coccodrillo.

Edizione limitata a 30 esemplari.

 

Condividi
Alvise-Marco Seno
Esperto di Marketing, Comunicazione e storia dell'automobile, giornalista/fotografo freelance, da sempre coltiva la passione per le auto sportive e d'epoca, l'orologeria meccanica e la fotografia. Dopo la laurea in Scienze Economiche si è trasferito a Milano. Oggi lavora nel settore dell'Automotive e collabora con riviste nazionali e internazionali (sia carta, sia web) nel settore automobilistico, lusso, e orologi.