Condividi

IL ROSSO E IL NERO. HYUNDAI PORTA A GINEVRA IL MEGLIO DEI DUE MONDI, QUELLO DELLE AUTO “NORMALI” (CON LA NUOVA i30 WAGON) SINO A CONCEPT AD IDROGENO, O CHE NON NECESSITANO NEPPURE DEL GUIDATORE. ANTICIPAZIONI DEL FUTURO CHE SARÀ? INTANTO AMMIRIAMO LA I20 WRC, VERAMENTE “TANTA ROBA”.

Anteprima mondiale per la nuova Hyundai i30 Wagon di cui abbiamo parlato qualche settimana fa, assieme ad anticipazioni sul futuro della casa sudcoreana.

NUOVA i30 WAGON

La i30 Wagon fa bella mostra di sé, in un ammagliante colore rosso che non passa inosservato. I 24 cm guadagnati in lunghezza rispetto alla versione berlina si traducono in una capacità di carico implementata a ben 602 litri (che diventano 1.650 abbattendo i sedili posteriori), rendendola così una tra le più capienti del suo segmento di riferimento.

Il catalogo si articola in 3 nuovi motori benzina e 2 Turbodiesel, gruppi ottici anteriori full Led, luci diurne verticali a Led e tutta la consueta tecnologia interna da offrire al potenziale compratore: frenata autonoma d’emergenza, schermo touch con navigatore, retrocamera integrata, connessione Bluetooth con standard Apple CarPlay, Android Auto e ricarica wireless per smartphone.

In vendita in Italia a partire dalla tarda primavera, ad un prezzo ancora non annunciato (ma superiore ai 21.900 euro necessari per la versione berlina 5 porte con motore da 110 CV).

FE CONCEPT

Altra anteprima mondiale ma sotto forma di prototipo è la FE Concept, crossover con alimentazione fuel cell. Il gruppo coreano, forte dei valori di mercato che la vedono leader del mercato delle vetture ad idrogeno, vuole coprire nel prossimo futuro ogni possibile segmento con questa tecnologia.

Così la FE (acronimo per Future Eco) Concept rappresenta un nuovo step e anticipa ciò che  vedremo sull’erede dell’attuale ix35 Fuel Cell. Lo stesso design, richiamo al mondo ecosostenibile, richiama le forme armoniose che si possono trovare in natura, dettando nuovi stili: gruppi ottici anteriori particolarmente sottili, assenza della classica mascherina anteriore, montante posteriore con funzione aerodinamica e fari posteriori a Led che si allungano fino al passaruota posteriore.

All’interno troviamo display che mostrano la strumentazione e con cui interagire per i comandi secondari, mentre il climatizzatore è in realtà un umidificatore che ricicla l’acqua derivata dalla produzione di energia a bordo. Delle batterie ricaricabili portatili (che immagazzinano energia a bordo) possono poi essere utilizzate per alimentare i propri device. infine nel bagagliaio è integrato uno scooter elettrico con collegamento per la ricarica delle sue batterie.

Nessuna ulteriore notizia sui consumi o prestazioni, salvo garantire un’autonomia di 800 chilometri con un “pieno” di idrogeno.

IONIQ PLUG-IN E IONIQ CONCEPT A GUIDA AUTONOMA

Tornando su auto che vedremo in commercio nel breve periodo, ecco che viene presentata la nuova Ioniq Plug-in, incrocio tra la versione elettrica e quella ibrida, in vendita dal prossimo maggio.

Spinta da un motore 1.6 benzina GDI 4 cilindri a iniezione diretta da 105 Cv e 147 Nm, abbinato a un motore elettrico da 45 kW (61 CV). Collegata alla batteria da 8,9 kWh agli ioni polimeri di litio, la Ioniq è in grado di percorrere fino a un massimo di 63 chilometri (stimati).

Sempre appartenente alla gamma Ioniq, Huyndai svela la Ioniq Concept a guida autonoma. Zero emissioni e nessun guidatore per quello che alcuni ritengono essere il futuro della mobilità in sicurezza/comodità.

SPECIALE SALONE DI GINEVRA 2017

Gli Speciali di 0-100.it: Salone di Ginevra 2017