Condividi

LE REGINE. QUESTE (PIU’ O MENO) SONO STATE LE PROTAGONISTE INDISCUSSE DELLE SALITE NEGLI ANNI 60 E 70 GRAZIE AL RAGGIUNGIMENTO DI LIVELLI ALTISSIMI DI TECNOLOGIA PER PERSEGUIRE DUE OBBIETTIVI: PESO AL MINIMO E PRESTAZIONI MASSIME.

Pista o salite, le vetture della categoria Sport Prototipo e Sport 2000 alla Vernasca Silver Flag 2015 si trovano comunque a loro agio dove c’è da “aprire” l’asfalto in due al proprio passaggio come da biblica memoria.

Impressionante la presenza delle Porsche: una 911 Carrera RS 3000, due 906, una 910 e la leggendaria 908/02 guidata da Steve McQueen alla 12 Ore di Sebring del 1970 e condotta fino al secondo posto finale. Imponente, invece, la presenza delle Abarth: le barchette da salita con motori 4 cilindri 1.000 e 2.000 e i possenti 8 cilindri a V 3.000 raccontano in modo minuzioso gli anni più belli del marchio dello Scorpione nelle competizioni.

Il gruppo si arricchisce ancora di più con alcune presenze d’eccezione: una Lola T70 del 1969, la Serenissima Jet Competizione del 1965, la rara Attila MK7 (9 esemplari prodotti tra il ’63 e il ’65), una Matra MS630 con motore Ford GT40,

Vernasca- Silver-Flag-2015_0-100-small

Gli Speciali di 0-100.it: Vernasca Silver Flag 2015

Condividi
Alvise-Marco Seno
Esperto di Marketing, Comunicazione e storia dell'automobile, giornalista/fotografo freelance, da sempre coltiva la passione per le auto sportive e d'epoca, l'orologeria meccanica e la fotografia. Dopo la laurea in Scienze Economiche si è trasferito a Milano. Oggi lavora nel settore dell'Automotive e collabora con riviste nazionali e internazionali (sia carta, sia web) nel settore automobilistico, lusso, e orologi.