Condividi

RISPARMIARE PER NON CROLLARE. APPESANTITO DALLO SCANDALO DEI MOTORI DIESEL IL GRUPPO VOLKSWAGEN – SECONDO GLI ANALISTI – NON HA ALTRA SCELTA PER SOPRAVVIVERE SE NON RISPARMIARE ALLA GRANDE E ORIENTARSI VERSO L’ELETTRICO. PERCIO’, NEI PROSSIMI DIECI ANNI, L’ORGANICO POTREBBE SCENDERE DI CIRCA 2.500 UNITA’ L’ANNO (ADDIO A GIOCATTOLI COME LA XL SPORT!)

Il Gruppo Volkswagen sta pensando a una riduzione di 25.000 posti di lavoro in dieci anni. E’ quanto ha dichiarato Bernd Osterloh, Presidente del Consiglio di Sorveglianza, al quotidiano economico tedesco Handelsblatt.

Il Gruppo è attualmente impegnato in una strategia di contenimento dei costi per finanziare il progetto di evoluzione della gamma prodotto verso l’elettrico, all’indomani dello scandalo emissioni. Volkswagen Group è sotto pressione per operare drastici tagli alle voci di spesa per finanziare questa trasformazione mentre è ancora alle prese con le conseguenze del terremoto causato dal Dieselgate.

NIENTE LICENZIAMENTI

L’operazione, tuttavia, dovrebbe “salvare” i dipendenti in quanto non sono previsti licenziamenti. Piuttosto il Gruppo non effettuerà il turn-over dei dipendenti che raggiungeranno la pensione. Secondo Vw ci sono migliaia di persone all’interno dell’azienda, nate negli Anni 50 e 60, che nei prossimi anni lasceranno per sopraggiunti limiti di età.

GLI ANALISTI: RISPARMIO E PENSIONAMENTO ANTICIPATO

Gli analisti plaudono all’iniziativa ma affermano che questo non sarà sufficiente. Occorrerà che questa misura venga accompagnata da una riduzione dei costi d’acquisto e delle spese di ricerca e sviluppoArndt Ellinghorst, analista di  Evercore ISI, ha detto che “Volkswagen Group non ha altra scelta, per mettere in sicurezza il proprio business, se non operare un drastico taglio dei costi“. Secondo Ellinghorst, nei prossimi anni saranno necessari risparmi pari a 22 miliardi di euro, il 75% dei quali devono essere investiti in un profondo processo di trasformazione. Altri benefici potrebbero sopraggiungere dal pensionamento anticipato.

Fonti interne affermano che i vertici potrebbero agire sul taglio dei manager, pari ai 2/3 dei 60.000 dipendenti attualmente in forze a Wolfsburg (amministrazione, ricerca e sviluppo, vendite e marketing)

Condividi