Condividi

POCHE CHIACCHIERE. SUL MERCATO ITALIANO IL MARCHIO DI OROLOGERIA MECCANICA DI PRESTIGIO CHE RIESCE A TROVARE SEMPRE UN POLSO LIBERO (ESCLUSE ALCUNE PUNTE DI ECCELLENZA COME UN OMEGA SPEEDMASTER, UN IWC PORTOGHESE O UN AUDEMARS PIGUET ROYAL OAK) E’ SEMPRE E SOLO IL BRAND ROLEX. AGLI APPASSIONATI DEI MODELLI SPORTIVI PIU’ DIFFUSI E’ DEDICATA LA GALLERY DI 0-100.IT. SORRY: NIENTE SKY DWELLER, OYSTER PERPETUAL, DATEJUST PEARLMASTER 34.

Inutile trovare aggettivi che riescano a descrivere il fascino di un Rolex. Non passa mai di moda, è probabilmente l’orologio più falsificato del pianeta e la Casa Madre può permettersi di introdurre, ogni anno, novità limitate a qualche nuovo colore di quadrante per scatenare sempre una nuova corsa all’acquisto, alimentando a dismisura il desiderio di entrare a far parte del mondo esclusivo dei proprietari di un Rolex.

Baselworld 2014 ha ancora una volta dato la misura della potenza del brand svizzero: il Sea Dweller e il GMT Master II, infatti, si presentano con una interessante novità tecnica: straordinariamente invisibile agli occhi della massa, straordinariamente insignificante per la maggior parte degli acquirenti. Si tratta di un nuovo inserto in Cherachrom per la lunetta, che aumenta una volta di più l’indice di affidabilità e robustezza.

L’Oyster Perpetual Milgauss, dal canto suo, non ha bisogno di ulteriori evoluzioni rispetto ai suoi già elevati contenuti tecnici. Questo modello, infatti, si caratterizza per la straordinaria resistenza (in termini di precisione del movimento, il calibro 3131) ai disturbi magnetici (fino a 1000 gauss, da cui il nome scelto), e per il vetro in zaffiro di colore verde. Sicché il nuovo modello presentato a Baselworld 2014 è esclusivamente un inedito quadrante di colore blu.

L’ultima novità interessante e in grado di attirare l’attenzione è una versione gioiello dell’Oyster Daytona. Questo modello di un’opulenza senza pari, con cassa in platino 950, presenta il quadrante realizzato con un pavé di diamanti incorniciato dalla lunetta con 36 diamanti taglio baguette incastonati.

Condividi
Alvise-Marco Seno
Esperto di Marketing, Comunicazione e storia dell'automobile, giornalista/fotografo freelance, da sempre coltiva la passione per le auto sportive e d'epoca, l'orologeria meccanica e la fotografia. Dopo la laurea in Scienze Economiche si è trasferito a Milano. Oggi lavora nel settore dell'Automotive e collabora con riviste nazionali e internazionali (sia carta, sia web) nel settore automobilistico, lusso, e orologi.