Condividi

OROLOGI, AMORE E FANTASIA. BASELWORLD 2015, NONOSTANTE IL PERIODO NON CERTO FACILE CHE SI STA AFFRONTANDO, SI CONFERMA IL PIU’ IMPORTANTE SUMMIT INTERNAZIONALE PER I PRINCIPALI MARCHI DI OROLOGERIA E GIOIELLERIA DEL MONDO. 0-100.IT HA SEGUITO L’EVENTO ALLA SCOPERTA DEI MODELLI CHE PIU’ HANNO CATALIZZATO LA NOSTRA ATTENZIONE.

Vi era un tempo in cui l’orologio era considerato una parte essenziale del nostro vivere quotidiano; un “must have” che identificava il nostro stile tra impegni di lavoro e passioni sportive. Osservare il polso di chi ci trovavamo di fronte significava scoprire sfaccettature del carattere e del “bien vivre” di una persona.

Il segnatempo poi fu “declassato” a semplice elettrodomestico, un banale strumento, spesso senza personalità, per leggere l’ora. L’avvento di smartphone con le sue infinite funzioni “tutto in uno” hanno fatto credere a molti di poter fare a meno di quell’oggetto quasi mistico che scandiva il nostro tempo raccontando un micro universo fatto da esperienza, tecnica, manualità e passione tra ponti, platine e micro componenti.

A Baselworld, fiera dove si arriva a decidere anche 80% del fatturato annuale, è possibile interrogarsi sullo stato attuale del settore, le sue prospettive, le tendenze, le novità tecniche. Quest’anno si è respirata un’aria frizzante e positiva: desiderio di innovare, riposizionare il brand, ingolosire nuovi polsi, impiegare nuovi materiali hi-tech, proporre nuovi movimenti di manifattura e rappresentare micro universi (il diving, le corse automobilistiche…) o imprese straordinarie di personaggi leggendari.

Tutto ciò fa ben pensare a un ritorno al desiderio, se non anche all’esigenza, di avvolgere nuovamente il polso con lo strumento del tempo per eccellenza perché il tempo passa inesorabile e, averne consapevolezza, ci potrebbe aiutare a capire come e dove sarebbe meglio investirlo.

Al di là della fredda descrizione delle caratteristiche tecniche, il nostro intento è quello di riunire i modelli più interessanti in uno Speciale basato su ingredienti come lo stile, la filosofia e, laddove sussista, anche l’appartenenza a un singolo marchio costruttore (verso alcuni brand è una sorta di dovere morale), il tutto condito dal il nostro “istinto trendsetter“: la passione!

LE EMOZIONI DI BASELWORLD 2015
ROLEXCOMMEMORATIVIFEMMINILIDIVER
baselworld-2015_rolex-day-date-40-0-100_13baselworld-2015-omega-speedmaster-moonwatch-apollo-14-snoopy-0-100_4baselworld-2015-ulysse-nardin-lades-marine-chronometer-0-100_1baselworld-2015_tudor-pelagos-0-100_6
 PATEK PHILIPPE RIPETIZIONE MINUTIBI-COMPAXAUTOMOBILISTICI
baselworld-2015-patek-philippe-calatrava-pilot-travel-time-0-100_6Baselworld-2015-Breguet-Tradition-Repetition-Minutes-Tourbillon-0-100_1Baselworld-2015-hublot-big-bang-italia-independent-0-100_8baselworld_2015-eberhhard-tazio-nuvolari-336-0-100_6
RISERVA DI CARICATOURBILLON CRONO CON SCALA TACHIMETRICASOLO TEMPO
baselworld-2015_glashutte-senator-observer-0-100-7baselworld-2015_ulysse-nardin-anchor-tourbillon-0-100-4baselworld-2015_zenith-el-primero-sport-0-100-6OLYMPUS DIGITAL CAMERA
Condividi
She was born and raised in Milan, after studying linguistics she gained several experiences in the fashion and publishing industry. The passion for travels, beauty and for everything that makes the universe of the "bien vivre" special, turned her into a delicious and sharp "pen" from the creatively poetic touch in the world of Dolce Vita, mechanical watches and cars.