Condividi

LA RESURREZIONE. INGHILTERRA, PAESE STRAORDINARIO PER VIVERE LA PASSIONE MOTORISTICA. ESPRESSIONE DI UNA CULTURA MOTORISTICA SECONDA A NESSUNO, GLI INGLESI SONO CAPACI DI TUTTO: DI FARSI LE AUTO IN GARAGE, DI COSTRUIRE REPLICHE FEDELI DELLE PIU’ BELLE AUTO DA CORSA DI SEMPRE, DI GUIDARE A CAPOTE ABBASSATA ANCHE QUANDO PIOVE. LO STORICO MARCHIO BRISTOL E’ SOLO UNA GOCCIA NELL’OCEANO DELL’AMORE BRITANNICO VERSO L’AUTOMOBILE. LA PROJECT PINNACLE ARRIVERA’ A FINE ANNO, CON MOTORE BMW.

Bristol Automotive Group annuncia un importante accordo nell’ambito del progetto Project Pinnacle, che porterà nuovamente su strada una nuova vettura Bristol in occasione del 70esimo anniversario del marchio.

Il brand, che ha già da tempo ricominciato la propria strategia di rilancio sul mercato (con la creazione della divisione Parts, Service and Restoration per le auto storiche a Brentford, West London e l’apertura di un nuovo showroom in Kensington High Street), è al lavoro sulla nuova auto.

La nuova Bristol, definita un “approccio moderno alla migliore artigianalità britannica”, sarà equipaggiata con un gruppo moto-propulsore BMW, caratteristica che darà alla macchina il contenuto prestazionale adeguato e l’affidabilità necessaria a catturare l’interesse della clientela potenziale.

IL NUOVO CORSO

Fondata nel 1945, Bristol è uscita nel 2011 dall’amministrazione controllata (nella fattispecie le società Bristol Cars Limited companyBristol Cars Services Limited, divenute parte del Bristol Automotive Group, a sua volta appartenente al Kamkorp group).

Appartiene a quest’ultimo soggetto anche Frazer-Nash Research Limited, un’azienda a forte indice di innovazione specializzato nella progettazione di soluzioni per la mobilità ibride ed elettriche. Sarà responsabile, per altro, come fornitore di tecnologia per le nuove vetture Bristol.

L’ultima Bristol prodotta, la Fighter, era una coupé ad ali di gabbiano con motore 10 cilindri della Viper disponibile con vari range di potenza: da 525 Cv fino a oltre 1.000 sulla Fighter T da 340 km/h. Complessivamente, anche se mancano dati ufficiali, si ipotizza che dal 2004 al 2011 ne siano state prodotte poco più di 10.

Condividi
Alvise-Marco Seno
Esperto di Marketing, Comunicazione e storia dell'automobile, giornalista/fotografo freelance, da sempre coltiva la passione per le auto sportive e d'epoca, l'orologeria meccanica e la fotografia. Dopo la laurea in Scienze Economiche si è trasferito a Milano. Oggi lavora nel settore dell'Automotive e collabora con riviste nazionali e internazionali (sia carta, sia web) nel settore automobilistico, lusso, e orologi.