Condividi

JOHN HENNESSEY, FONDATORE DI HENNESSEY PERFORMANCE, AFFERMA CHE LA BUGATTI CHIRON SPORT UTILIZZATA PER IL RECENTE RECORD DI VELOCITA’ POTREBBE ESSERE MOLTO PIU’ POTENTE DELLA MACCHINA CHE BUGATTI HA DETTO DI AVER USATO. ALTRIMENTI, DICE, L’IMPRENDITORE AMERICANO, NON AVREBBE RAGGIUNTO QUASI 500 KM/H. IL RECORD, COMUNQUE, NON E’ STATO OMOLOGATO. ECCO PERCHE’

C’è chi mette in dubbio il favoloso record della Bugatti Chiron Sport, che lo scorso 2 agosto ha superato 300 miglia all’ora sulla pista di prova dell’Ehra Lessien in Germania. L’hyper car franco-tedesca, dati (e video) alla mano, ha raggiunto 490,484 km/h stabilendo il nuovo record mondiale di velocità per auto di serie.

Il dubbio sollevato è molto autorevole poiché arriva da John Hennessey, fondatore di Hennessey Performance (che produce la straordinaria Venom GT da quasi 430 km/h). Per l’imprenditore americano ci sono alcune cose che non tornano.

I DUBBI

Bugatti, commenta Hennessey, ha dichiarato di aver fatto poche modifiche alla macchina usata per il record: ha aumentato la potenza dai 1.500 cavalli di serie a 1.578. Ma secondo lui un aumento di 78 cavalli è poco per raggiungere 490 km/h. Secondo Hennessey la macchina potrebbe aver avuto circa 2.000 cavalli altrimenti non avrebbe raggiunto quella velocità. Bugatti ha inoltre tolto il sedile del passeggero, lo scarico di serie, l’ala posteriore mobile per togliere chili e avere un’aerodinamica più libera e ha allungato la coda di 25 cm. Però, osserva Hennessey, la Chiron Sport aveva a bordo gli strumenti di misurazione e una gabbia rollbar: questo aggiunge peso.

RECORD NON OMOLOGATO

Hennessey, infine, osserva che il record non è stato omologato dal Guinness World Record: Andy Wallace ha infatti raggiunto 490,484 km/h in un solo senso (avrebbe dovuto farlo anche nell’altro) ma l’Ehra Lessien non lo permette. Secondo Hennessey, quindi, la gara al superamento delle 300 miglia è ancora aperta.