Condividi

I NOSTALGICI (NEW VINTAGE). PASSATO E FUTURO: EREDITA’, TRADIZIONE E INNOVAZIONE. OROLOGI DAL LOOK RETRO’, A VOLTE FORTEMENTE DEBITORE VERSO FORME LONTANE NEL TEMPO EPPURE CAPACI DI SCATENARE UN FASCINO IRRESISTIBILE, SEDURRE E CONQUISTARE CHI APPREZZA BUON GUSTO E “UNDERSTATEMENT”.

L’eccesso di modernità dell’era di Internet può essere un vantaggio per l’orologeria meccanica. Lo scenario che ci circonda, iper-tecnologico, iper-innovativo, ci confonde, ci slega dal nostro passato perché ne propone il totale distaccamento.

Fortunatamente, in orologeria il valore della tradizione è, per molti marchi, fondamentale, specialmente nel caso di un blasone con una storia lunga e ricca di esperienze (movimenti, modelli iconici, stili…). Può, allora, essere una strategia vincente l’idea di riproporre forme “antiche” ma con una meccanica d’avanguardia. Questo permette di “non dimenticare” la storia e, d’altro canto, apprezzare lo sforzo profuso per portare l’evoluzione della meccanica del movimento verso nuovi traguardi.

Con quest’idea, quindi, si rende definitivamente “immortale” uno stile già iconico, si dà all’eleganza un nuovo valore: quello della tradizione.

OMEGA SPEEDMASTER MARK II

Il leggendario Omega Speedmaster Mark II è stato presentato a Basilea rivisitato e arricchito con un movimento meccanico a carica automatica e una scala tachimetrica visibile anche in condizioni di scarsa illuminazione minime.

La scala tachimetrica, trasparente sul vetro zaffiro, è infatti illuminata da sotto grazie a un anello in alluminio rivestito di SuperLumiNova.

Rispetto all’iconico Moonwatch del 1969 (l’anno in cui l’uomo si spinse oltre i confini terrestri mettendo piede sulla Luna), quest’ultima versione, impermeabile fino a -100 metri, è equipaggiata con il calibro Co-Axial 3330 con spirale in silicio Si14 e funzione cronografo con ruota a colonne.

Il meccanismo è alloggiato in una cassa di forma tonneau in acciaio inox lucidato e spazzolato. Presenta corona e pulsanti lucidi, il correttore della data, visibile in una finestrella a ore 6, è collocato sulla cassa a ore 10.

Il quadrante, nero opaco o grigio e protetto da vetro zaffiro piatto anti graffio, presenta i 3 consueti contatori: 30 minuti crono alle 3, 12 ore alle 6 e secondi alle 9.

Sia la lancetta centrale dei secondi cronografici sia la minuteria in un vitaminico color arancio fluorescente mentre le lancette di ore e minuti sono invece verniciate bianche e nere e rivestite di Super-LumiNova così come la lancetta centrale del cronografo.

L’orologio è completato con un bracciale in acciaio inox spazzolato con fibbia con chiusura a pulsante allungabile brevettata OMEGA.

EBERHARD & CO. CONTOGRAF

Presentato in anteprima assoluta in occasione di Baselworld 2014, il nuovo Contograf della Eberhard & Co. (Ref. 31069) è una riedizione dell’omonimo cronografo creato dalla maison svizzera negli Anni 60 che contribuì non poco a confermare l’orologio da polso come accessorio indispensabile nella quotidianità.

Con questa reinterpretazione, il marchio, fondato nel 1887, crediamo desideri contribuire a riportare in auge quella vivace creatività, quell’ottimismo e quel desiderio di innovare tipico di quegli anni.

Il Contograf monta il preciso calibro 8147 base Eta 7750, un movimento meccanico a carica automatica con funzione cronografo (30 minuti crono alle 3 con indicazione temporale dello scatto telefonico che negli Anni 60 avveniva ogni 3 minuti e secondi continui alle 9) e datario alle ore 6 visibile attraverso la caratteristica finestrella trapezoidale con contorno applique e numeri data rossi come un tempo.

E’ alloggiato in una cassa in acciaio di 42 mm di diametro con display protetto da zaffiro bombato antiriflesso disponibile nei colori: bianco argentato, nero, nero con contatori bianco argentati o bianco argentato con contatori neri.

In questa riedizione, impermeabile fino a -50 metri, troviamo alcune novità come la nuova lunetta unidirezionale in senso antiorario in ceramica che fà da cornice alla scala tachimetrica su base 1000 in km/h che s’ispira al mondo automobilistico con i piccoli tratti incisi e trattati al palladio. La corona, anch’essa in robusto acciaio, è a vite, impermeabile e personalizzata con “E” in rilievo.

Il fondello, sempre in acciaio, è avvitato come la prima versione e riporta l’incisione “Tribute to Contograf – 1960s”.

Un’altra novità sono: il bracciale metallico CHASSIS in acciaio, a tre maglie, con finiture satinate e lucide e il cinturino in cuoio nero con dettaglio “red arrow” ricamato sulla punta e disponibile (come optional) con fibbia chiusura déployante Déclic (brevettata).

LONGINES COLUMN-WHEEL SINGLE PUSH-PIECE CHRONOGRAPH

The Longines Column-Wheel Single Push-Piece Chronograph, disponibile in 3 versioni, in acciaio o in oro rosa, s’ispira ai primi cronografi da polso realizzati, nel 1913, dal marchio orologiero svizzero.

Mentre questi ospitavano il calibro 13.33z, il primo movimento cronografo creato da Longines per i suoi orologi da polso, il Longines Column-Wheel Single Push-Piece Chronograph monta il calibro L788 (sviluppato da ETA in esclusiva per Longines).

Si tratta di un movimento monopulsante con ruota a colonna di colore blu, con datario alle 6 e una riserva di carica di 54 ore. Attraverso la semplice pressione del monopulsante, integrato nella corona scanalata a ore 3, è possibile controllare tutte le funzioni cronografiche (30 minuti crono alle 3 e secondi continui alle 9).

Il quadrante, di colore bianco a ricordare i segnatempo d’epoca e protetto da vetro zaffiro antiriflesso lato superiore, presenta minuteria Chemin de Fer, lancette azzurrate e numeri arabi (numeri romani nella versione in acciaio con anse mobili) dipinti di colore nero a eccezione del 12/XII che è di colore rosso.

Tutte e tre le versioni, oltre ad avere un fondello aperto in vetro zaffiro per ammirare la ruota a colonna blu del meccanismo, sono provviste di un cinturino in pelle di alligatore di colore marrone con cuciture chiare a contrasto.

CUERVO Y SOBRINOS HISTORIADOR FLAMEANTE RESERVA DE CARGA

Il Cuervo y Sobrinos Historiador Flameante Reserva de Marcha (Ref.3132.1FA) che prende il nome “Flameante” dalla decorazione guilloché flambé del quadrante in silver come in voga negli Anni 50, è abbinato al calibro ultrapiatto (4 mm di spessore) CYS 2010 su base ETA 7001.

Si tratta di un movimento meccanico a carica manuale con ponte del rotismo con trattamento antracite, viti azzurrate, ponti decorati a Côte de Genève a ventaglio e incisione “Testimony of style since 1882”intorno al calibro.

Offre le funzioni di ore, minuti, piccoli secondi alle 6 e indicazione della riserva di carica alle ore 12 (42 ore di autonomia di marcia) che è indicata con disco che ruota al posto della consueta sfera che è visibile solo quando il segnatempo si scarica.

Il meccanismo, visibile attraverso il fondello trasparente in vetro zaffiro, è ospitato in una cassa in acciaio di 40 mm di diametro.

Il quadrante, color argento con decorazione guilloché “Flameante”, è protetto da vetro curvato, bombato e antiriflesso e mostra il logo CyS applicato alle 12, indici applicati e lancette di ore e minuti rivestite con superluminova.

Impermeabile fino a -30 metri, l’orologio è completato con un cinturino in pelle di alligatore della Louisiana con fibbia déployante in acciaio.