Condividi

PRODIGIO (STILISTICO) DELLA TECNICA. RICHARD MILLE UTILIZZA SOLO MATERIALI NOBILI. E PER I SUOI MODELLI VUOLE SOLO IL MEGLIO: LEGGEREZZA, AFFIDABILITA’, COMFORT.

La famiglia degli orologi Richard Mille di queste pagine abbraccia numerose “tipologie” di modello, offrendo uno sguardo d’insieme sui principi informatori che plasmano ogni modello per l’orgoglioso polso del suo indossatore.

Nati da un preciso approccio “tecnico” al settore, che fonde la tradizione dell’orologeria meccanica con la più esasperata ricerca tecnica e una prorompente estetica che richiama le automobili da corsa, gli orologi Richard Mille vengono definiti “una Formula 1 al polso“.

L’estetica prorompente con forme “decise”, di grande spessore, con viti a vista, “nervature” sulle parti strutturali della platina sono il primo grande elemento di distinzione.

Il legame con il mondo delle corse è evidente in quel design così sofisticato, iper-moderno, di decisa rottura con i canoni estetici tradizionali dell’orologeria meccanica. Per i suoi modelli Richard Mille utilizza esclusivamente materiali nobili: dall’oro al titanio, dalle nanofibre di carbonio fino al puro vetro zaffiro; mai l’acciaio (dotato di eccessiva durezza per consentire una buona lavorazione).

La seconda grande particolarità riguarda i quadranti, tipicamente squelette, una finestra aperta sull’universo dell’orologeria meccanica e la sua estrema sofisticazione. E, nello stesso tempo, una riprova tangibile del mirabile risultato del grande sforzo di ricerca che Richard Mille compie sulla meccanica dell’orologio.

La terza grande particolarità riguarda la “personalità” di un orologio del genere: sviluppato, nella maggior parte dei casi, dai più grandi atleti del pianeta, quelli che nelle loro discipline creano perfette condizioni estreme di utilizzo (atletica, golf, tennis, Formula 1, calcio…), dal loro mondo traggono ispirazione.

Si va dal movimento ultrapiatto del Richard Mille RM 016 o dell’RM 033, ad esempio, all’RM 017, equipaggiato con un movimento da 70 ore di riserva di carica caratterizzato dal tourbillon alle ore 6 e dall’innovativo sistema di smistamento delle funzioni della corona, del tutto paragonabile al cambio di un’automobile: agendo su questa si possono determinare tre posizioni della stessa: carica del movimento (“W”), rimessa dell’ora (“H”) e folle (“N”, neutral).

Su queste “regole” tecniche, l’RM 037 aggiunge l’eleganza degli indici con numeri romani. E’ un modello studiato anche per il delicato polso femminile di una donna con un’anima sportiva, racing, che conosce il valore progettuale di un orologio meccanico come questo.

La stessa sofisticazione si ritrova nell’RM 038 e RM 055. Questi due modelli, dedicati al campione americano di golf Bubba Watson. Equipaggiati, rispettivamente, con un movimento a carica manuale dotato di tourbillon e con movimento meccanico a carica manuale, sono caratterizzati da un’estrema leggerezza e robustezza agli shock essendo stati sviluppati da Watson stesso. Questi concetti trovano la loro massima espressione nell’RM 027 RN, sviluppato per il tennista Rafael Nadal: tutto l’orologio (con tourbillon) in meno di 20 grammi di peso.

Su un livello ancora più sportivo si collocano l’RM 004 (cronografo con minuti alle 9 e ore cronografiche alle 6; indicatore di riserva di marcia alle 11 e della coppia della molla di carica alle 2) o l’RM 032 (calendario annuale, cronografo con conto alla rovescia e “indicatore di marcia”) mentre all’opposto, sul puro piano della provocazione estetica, ecco l’RM 058, un movimento che “vola” all’interno della cassa, uno straordinario tourbillon con movimento a forma di teschio e bariletto a rotazione rapida.

0-100.it | Gli speciali di 0-100.it: visita alla fabbrica Richard MilleGli Speciali di 0-100.it: RICHARD MILLE