Condividi

UN LAMPO NEL BOSCO. TRA LE FORESTE (DEL NURBURGRING!) SI AGGIRA UNA BESTIA MAI VISTA. E’ ANCORA UN CUCCIOLO E STA IMPARANDO LE TECNICHE DI CACCIA. MA TRA QUALCHE MESE SARA’ FINALMENTE ADULTA E PRONTA A CONFRONTARSI CON LE ALTRE BELVE.

La nuova Honda NSX è una “quasi” hypercar ibrida sta per arrivare in listino. Potenzialmente sarà in grado di inaugurare un nuovo segmento sotto l’attuale nicchia delle hyper car ibride. Le sue concorrenti principali, infatti (Ferrari 458, Lamborghini Huracan, Audi R8, McLaren 650S, Porsche 991 Turbo S e Aston Martin V12 Vantage S), non hanno un layout che comprende anche un motore elettrico di supporto al propulsore ibrido.

Il 2015 si avvicina e con lui la data di presentazione della versione definitiva. Per arrivare all’appuntamento c’è bisogno di una messa a punto perfetta, che sappia tenere conto della complessità tecnologica della vettura. Come dimostrano le immagini, quindi, lo sviluppo della Honda NSX è in pieno svolgimento. Frattanto la versione da competizione, la NSX Concept GT è già in attività in Giappone.

L’ultimo avvistamento di un muletto sul circuito del Nurburgring ci dimostra che la nuova Honda NSX, stilisticamente molto simile al prototipo presentato nel 2012, è quasi pronta. La carrozzeria non sembra presentare elementi posticci agganciati con nastro adesivo, segno che la pannellatura potrebbe vicina alla configurazione definitiva, specialmente per quanto riguarda i punti d’attacco al telaio.

La motorizzazione della Honda NSX, come mostrato al recente Salone di Ginevra 2014, si baserà innanzitutto su un V6 con 2 turbocompressori posizionato secondo lo schema centrale-posteriore. Lo schema prevede la propulsione elettrica a supporto delle ruote anteriori. Il sistema Super Handling All Wheel Drive gestisce tutta la trazione integrale attraverso un cambio a doppia frizione.

Condividi
Alvise-Marco Seno
Esperto di Marketing, Comunicazione e storia dell'automobile, giornalista/fotografo freelance, da sempre coltiva la passione per le auto sportive e d'epoca, l'orologeria meccanica e la fotografia. Dopo la laurea in Scienze Economiche si è trasferito a Milano. Oggi lavora nel settore dell'Automotive e collabora con riviste nazionali e internazionali (sia carta, sia web) nel settore automobilistico, lusso, e orologi.