Condividi

DE PROFUNDIS. AL FORUM AMBROSETTI DI CERNOBBIO IL NUMERO UNO DI FCA GROUP PARLA DELLA SITUAZIONE DELLA SCUDERIA FERRARI IN FORMULA 1, IN GRAVE AFFANNO. SERGIO MARCHIONNE NON METTE IN DISCUSSIONE LA POSIZIONE DI MONTEZEMOLO MA E’ STATO CHIARO NELL’AFFERMARE CHE “NESSUNO E’ INDISPENSABILE!”

Sergio Marchionne commenta la situazione negativa della Scuderia Ferrari, da troppo tempo in grave crisi di vittorie (proprio oggi il GP di Monza si è risolto con il ritiro di Alonso per un guasto alla vettura e il 9° posto di Raikkonen):

L’uscita di Luca Cordero di Montezemolo dalla Ferrari non è in agenda […]Ma nessuno è indispensabile” – ha dichiarato Marchionne sulle domande dei giornalisti che chiedevano un commento sulle notizie degli ultimi giorni circa le possibili dimissioni di Montezemolo. Questi, lo scorso mese di marzo aveva pubblicamente dichiarato di aver dato disponibilità per restare alla Ferrari ancora 3 anni,

Marchionne: “Ferrari è controllata da Fiat. Noi abbiamo il 90% e il restante 10% è di Piero Ferrari. L’abbiamo fatta gestire da Montezemolo per un periodo di tempo per due ragioni: l’indipendenza del produttore e il posizionamento del prodotto. Per questo era importante che si separasse dalla Fiat. Noi siamo al servizio dell’azienda. Quando un’azienda cambia idea o non c’è più convergenza degli obiettivi, le cose cambiano. Ci sono due elementi della Ferrari che per noi sono importanti: i risultati economici, su cui Montezemolo ha fatto un ottimo lavoro e su cui gli ho fatto anche i complimenti e la gestione sportiva. Il cuore della Ferrari è quello di vincere in F1. Da anni vedere la Ferrari è in queste condizioni, in quelle posizioni lì, senza vincere niente dal 2008 mi intristisce, avendo i migliori piloti che esistono al mondo, dei box che hanno qualità eccezionale e degli ingegneri che sono veramente bravi”.

Condividi
Alvise-Marco Seno
Esperto di Marketing, Comunicazione e storia dell'automobile, giornalista/fotografo freelance, da sempre coltiva la passione per le auto sportive e d'epoca, l'orologeria meccanica e la fotografia. Dopo la laurea in Scienze Economiche si è trasferito a Milano. Oggi lavora nel settore dell'Automotive e collabora con riviste nazionali e internazionali (sia carta, sia web) nel settore automobilistico, lusso, e orologi.