Condividi

ADDIO BOLOGNA, BENVENUTA MILANO? TROPPO POCHI I COSTRUTTORI ADERENTI E IL MOTORSHOW DI BOLOGNA 2013 (L’EDIZIONE NUMERO 38), CHE AVREBBE DOVUTO TENERSI NELLA PRIMA SETTIMANA DI DICEMBRE, NON SI SVOLGERA’. DA PIU’ PARTI GIUNGONO SPIEGAZIONI CIRCA I COSTI DI PARTECIPAZIONE TROPPO ELEVATI (A LIVELLO DI UN GRANDE SALONE INTERNAZIONALE A GINEVRA, FRANCOFORTE, PARIGI O DETROIT) PER UN EVENTO CHE, SUL MERCATO ITALIANO, IN PROFONDA CRISI, NON PORTEREBBE BENEFICI. IN POLE POSITION IL SALONE DELL’AUTO DI MILANO 2014?

Il Motorshow di Bologna edizione 2013 non si svolgerà. GL Events, organizzatore dell’evento bolognese negli ultimi 6 anni, ha dovuto annunciare questa decisione in seguito alla amara constatazione che le adesioni erano troppo poche.

La grave crisi del mercato dell’auto in Italia, che dal 2007 a oggi ha determinato un crollo del settore pari al 50%, ha convinto molti a ritirare la propria partecipazione.

DESTINO ANNUNCIATO

I problemi al salone bolognese non sono nuovi. Già nel 2009 l’evento fu ridotto da 7 a 5 giorni a causa della crisi e, progressivamente, i costruttori hanno progressivamente deciso di non aderire preferendo riservare i budget ad altri saloni internazionali con maggiore visibilità.

Nel 2011 su 0-100.it avevamo segnalato numerose defezioni. Al Motor Show 2012 (al quale non presero parte Citroen, Peugeot, Toyota, BMW-Mini, Chevrolet e Opel) hanno partecipato 400.000 visitatori, meno della metà rispetto al 2011.

Secondo alcuni pareri raccolti tra le aziende che normalmente espongono al Motor Show, i costi di partecipazione arrivavano ad aggirarsi intorno al milione di euro per stand, cifra analoga per prendere parti a eventi del calibro di Detroit, Ginevra, Parigi o Francoforte.

Il Motorshow, nato nel 1975, quest’anno avrebbe raggiunto la 38esima edizione ma già nelle premesse si sarebbe svolto in edizione molto ridotta. Per altro, non avrebbe ricevuto ll prestigioso riconoscimento OICA che l’avrebbe incluso tra i saloni motoristici di rilevanza internazionale.

NEL 2014 IL SALONE DI MILANO?

Si chiude una porta ma si apre un portone. L’abbandono di Bologna come sede dell’unico salone dell’auto italiana crea la candidatura pressoché automatica di Milano, dove sono in corso i preparativi per l’Expo 2015.

Il nuovo, grande, polo fieristico di Rho potrebbe ospitare il Salone dell’Auto di Milano 2014, una rassegna di respiro internazionale di livello pari ai grandi appuntamenti annuali dell’automobile.

Condividi
Alvise-Marco Seno
Esperto di Marketing, Comunicazione e storia dell'automobile, giornalista/fotografo freelance, da sempre coltiva la passione per le auto sportive e d'epoca, l'orologeria meccanica e la fotografia. Dopo la laurea in Scienze Economiche si è trasferito a Milano. Oggi lavora nel settore dell'Automotive e collabora con riviste nazionali e internazionali (sia carta, sia web) nel settore automobilistico, lusso, e orologi.