Condividi

GEMELLE DIVERSE. DALLO SCORSO NOVEMBRE E’ IN CORSO UNA LITE LEGALE TRA IL FAMOSO IMPRENDITORE AMERICANO DON PANOZ E NISSAN PER LA PATERNITA’ DEL PROGETTO ZEOD-RC. IN ATTESA CHE LE PARTI SI CONFRONTINO DIRETTAMENTE IN TRIBUNALE, DELTA WING (CHE RIVENDICA LA PATERNITA’ DEL PROGETTO) SI DA’ ALLA GUERRA MEDIATICA PER PORTARE L’OPINIONE PUBBLICA DALLA PROPRIA PARTE.

La controversia è, in realtà, attiva già dallo scorso novembre. La cordata di imprese riunite sotto il nome di Deltawing Technologies, fondata dal noto costruttore Don Panoz (fondatore di Panoz Motorsport e dell’American Le Mans Series) e da Chip Ganassi, creatore del team Ganassi Racing, ha iniziato una causa legale contro Nissan. L’oggetto del contendere è la Nissan Zeod RC (Nissan Zero Emission On Demand Racing Car) il cui design, afferma Deltawing Technologies, è stato palesemente copiato da una loro automobile da corsa violando i diritti di proprietà intellettuale.

Deltawing ha così deciso di procedere contro Nissan per rivendicare la proprietà intellettuale della vettura.

LE PUBBLICITA’

La faccenda è diventata pubblica solo lo scorso gennaio quando sul quotidiano The Tennessean e sul famoso giornale automobilistico  Automotive News è apparsa una pagina pubblicitaria che richiamava l’attenzione sulla questione.

La strategia di Deltawing Technologies, recentemente, è diventata ancora più aggressiva: il costruttore ha acquistato un’altra pagina di pubblicità sugli stessi giornali mettendo direttamente a confronto i design delle due automobili e chiedendo ai lettori un parere diretto.

Gary Fong, portavoce di Deltawing: “L’idea di questa iniziativa ci è venuta dopo che le trattative per una soluzione mediata con Nissan si sono arenate. Poiché non è stato possibile risolvere la questione in modo amichevole, abbiamo deciso di intraprendere altre iniziative. Ora stiamo assistendo a un cambiamento d’opinione. Prima che pubblicassimo queste pagine di pubblicità il 90% delle opinioni era contro di noi ma il trend si sta modificando“.

La causa legale tra Deltawing e Nissan è ancora nelle fasi iniziali. Secondo le dichiarazioni di Fong le parti stanno ancora producendo e presentando le prove documentali a difesa delle loro ragioni. Non è ancora stato individuato un tribunale che si occuperà del giuduzio.

DELTAWING O ZEOD RC?

L’idea della Delta Wing nacque nel 2009 pensando al possibile volto per una nuova auto da corsa per la Indycar Series che sostituisse la Dallara IR03/07. Il progettista Ben Bowlby, ideatore del progetto, allora in forze alla Ganassi Racing, presentò la vettura al Salone di Chicago del 2010. Nel 2011, tuttavia, l’idea prese una direzione differente e l’ingresso di Don Panoz portò a immaginare l’utilizzo della Deltawing nelle competizioni a ruote coperte. Con il nuovo nome di Delta Wing Project 56 Don Panoz, Chip Ganassi, la All American Racers dell’ex pilota Dan Gurney e la scuderia Highcroft Racing costruirono un prototipo che avrebbe partecipato alla 24 Ore di Le Mans del 2012.

L’Automobile Club de l’Ouest portò alla definizione di alcune modifiche al telaio e, nel frattempo, fu installato un motore Nissan. La Delta Wing si qualificò per Le Mans e riuscì a correre per 7 ore prima di subire un incidente ed essere costretta al ritiro. Ritornò in gara a fine anno e, questa volta, con le livree ufficiali Nissan.

Nel 2013 la roadster ritornò in gara ma, questa volta, Don Panoz portò alcuni cambiamenti al programma tra cui il motore, ora di provenienza Mazda. La vettura, marchiata “Delta Wing” partecipò alla 24 Ore di Sebring e, nel frattempo, Panoz fece costruire una versione coupé che fu presentata a fine anno.

Ma, nel frattempo, Nissan si portò in casa il progettista Ben Bowlby e questi iniziò il progetto della Zeod RC, presentata al pubblico nell’ottobre 2013 sul circuito del Monte Fuji durante una gara del World Endurance Championship. Quell’evento scatenò Don Panoz che rivendicava la proprietà del progetto.

Condividi
Alvise-Marco Seno
Esperto di Marketing, Comunicazione e storia dell'automobile, giornalista/fotografo freelance, da sempre coltiva la passione per le auto sportive e d'epoca, l'orologeria meccanica e la fotografia. Dopo la laurea in Scienze Economiche si è trasferito a Milano. Oggi lavora nel settore dell'Automotive e collabora con riviste nazionali e internazionali (sia carta, sia web) nel settore automobilistico, lusso, e orologi.