Condividi

L’UNICITA’ CREATA SUGLI ACCESSORI. NEL 1986 IL NUOVO REPARTO PORSCHE EXCLUSIVE DAVA INIZIO A UNA NUOVA FILOSOFIA DENTRO IL MARCHIO PORSCHE: LA CREAZIONE DEL PROPRIO ESEMPLARE UNICO. SENZA BADARE A SPESE SI POTEVA OTTENERE TUTTO, ANCHE UNA SPECIE DI 935 STRADALE. PURTROPPO, OGGI, QUELLA FILOSOFIA SI E’ FORTEMENTE RIDIMENSIONATA. LE ECONOMIE DI SCALA IMPONGONO LE LORO REGOLE. IN APPENDICE, LA STORIA DELLE PORSCHE 911 TURBO SPECIALI.

Porsche illustra le potenzialità del suo reparto di personalizzazione dedicato alle richieste più individuali.

La casa di Stoccarda presenta un esemplare super esclusivo della 911 Turbo (in Italia costa, chiavi in mano, oltre 167.000 euro) creato attingendo a piene mani dal catalogo Porsche Exclusive. La sua caratteristica principale è l’originale colorazione esterna in Lime Gold metallizzato. Altri accessori montati su questo esemplare: luci posteriori con indicatori di direzione di colore bianco, cerchi Sport Classic da 20″ in colore nero lucido, coprimozzi con stemma Porsche, impianto freni in PCCB con dischi in carboceramica.

L’abitacolo presenta un rivestimento totale in pelle bicolore, che riprende la tinta di carrozzeria, con cuciture a contrasto, modanature in fibra di carbonio, volante in Alcantara, tappetini bordati, sedili con schienale rivestito in pelle.

Le caratteristiche meccaniche restano invariate: 6 cilindri 3.8 boxer biturbo, 520 Cv, 710 Nm, trazione integrale PTM, cambio PDK a doppia frizione, 0-100 in 3″2, 315 km/h.

C’ERANO UNA VOLTA LE 911 TURBO SPECIALI…

Il Reparto Exclusive dal 1986 raccoglie i desideri più strani e speciali della clientela Porsche e li traduce in “esemplari unici” dove la fantasia del cliente e la “pesantezza” del suo portafogli sono tutto.

Porsche 993 Turbo S. Prodotta nel 1998 a conclusione della produzione di questo modello rappresentata la summa di tutto il meglio della 911 Turbo. Questa particolare versione, prodotta in soli 160 esemplari, si basava su un allestimento full optional, sia per la carrozzeria, sia per l’abitacolo, con alcuni accessori non disponibili normalmente a catalogo: tra questi le pinze freno di colore giallo e le prese d’aria sui parafanghi posteriori. Esteticamente si riconosceva anche per l’Aerokit (con spoiler anteriore, differente ala posteriore) . Meno visibile era l’abbassamento dell’assetto di 15 mm. All’interno la personalizzazione era totale con rivestimento in pelle e fibra di carbonio.

Il motore M64/60 veniva ripunzonato in M64/60 S con potenza aumentata da 408 a 450 Cv. Si poteva riconoscere per i doppi scarichi.

Porsche 993 Turbo Cabriolet. modello quasi sconosciuto, fu voluto da un concessionario tedesco che raccolse una quindicina di ordini tra i clienti più affezionati ed esigenti. Questo modello, prodotto nel 1995, era meccanicamente diverso dalla 993 Turbo Coupé: aveva, infatti, il motore M64/50, ovvero il boxer con turbo singolo (360 Cv) montato sulla 964 Turbo 3.6 (con il relativo mega-alettone posteriore) e la trazione posteriore (la 993 Turbo montava il nuovo propulsore M64/60 da 408 Cv e la trazione integrale).

Porsche 964 Turbo S Flachbau / Flatnose. Fu prodotta nel 1995 a conclusione della produzione della Turbo. La sua caratteristica principale consisteva nel muso “piatto” e con differenti stili dei fari: luci a scomparsa o luci a filo della carrozzeria come sulla 928. Anche nella vista laterale era differente per l’apertura di prese d’aria sui parafanghi (con due stili diversi). Posteriormente, infine, montava, alternativamente, l’ala della 964 Carrera RS 3.8 o un’ala leggermente diversa rispetto alla Turbo standard.

Il motore, l’M64/50 riceveva il kit di potenza X88 ed erogava 385 Cv (contro 360 di serie). Esternamente si riconosceva, anche in questo caso, per i doppi scarichi).

La versione veniva identificata con speciali codici fabbrica: X83 (Giappone), X84 (Resto del Mondo), X85 (Stati Uniti d’America). Secondo le informazioni non ufficiali disponibili, è stata prodotta, complessivamente, in 93 esemplari (comprendendo anche alcune Turbo S con kit di potenza ma muso “standard”).

Porsche 911 Turbo S 3.3. La spaventosa Turbo degli Anni 80 era disponibile anche con alcune modifiche sostanziali di carrozzeria e motore. Nel primo caso l’esemplare veniva personalizzato con carrozzeria a muso piatto in stile Porsche 935 e minigonne. Per gli incontentabili il motore 930/66 poteva essere trasformato in 930/66 S con potenza da 300 a 330 Cv.