Condividi

E LO SCORPIONE VA IN PALESTRA. ABARTH PARTECIPA UFFICIALMENTE ALLA GUMBALL 3000 CHE PARTE OGGI DA MIAMI. IL MARCHIO TORINESE, PARTNER UFFICIALE DEL RALLY, POTENZIA LA SUA IMMAGINE DI MARCHIO FACENDOSI SPAZIO TRA LE SUPERCAR.

Ha preso il via la Gumball 3000. Il rally più esclusivo e pazzo del mondo (vi partecipano supercar di tutti i tipi e marchi dalle McLaren P1 alle Lamborghini Aventador, dalle Rolls-Royce Phantom alla Ferrari FF, dalla BRABUS Super G 700 6X6 alla Batmobile Tumbler) ha lasciato Miami ed è diretto, attraverso le tappe di Daytona ed Atlanta, verso New York.

Qui gli equipaggi, 110 vetture, prenderanno un cargo diretto in Scozia. Atterrati ad Edimburgo faranno rotta verso Londra, quindi Parigi, Barcellona e, in nave, a Ibiza, dove la manifestazione si concluderà l’11 giugno.

UN’ABARTH 695 BIPOSTO UFFICIALE

Abarth partecipa ufficialmente alla Gumball 3000 con 5 vetture e, tra esse, una Abarth 695 biposto con livrea dedicata e numero speciale #1.

Per l’occasione oltre alla passione automobilistica, il made in Italy si distingue per la sua presenza in ambito fashioN: il marchio Italia Independent, creato da Lapo Elkann, ha creato un paio d’occhiali in serie limitata (solo 30 esemplari). Tramontano Automotive, invece, presenta il giubbotto tecnico della linea Abarth Tales, realizzato in una Special Edition per Gumball.

NON SOLO DIVERTIMENTO

La Gumball 3000 nasce su iniziativa della Gumball 3000 Foundation, una fondazione senza fine di lucro creata per aiutare i giovani svantaggiati. E’ attualmente partecipata da più di 5.000 soci tra artisti e celebrità internazionali, reali, personaggi presenti nelle classifiche annuali di Forbes, miliardari, finanzieri.

Durante tutto il rally, all’arrivo di ogni tappa, Maximillion Cooper, fondatore di Gumball, organizza un’asta benefica insieme a Christie’s. Saranno messi all’asta oggetti e memorabilia della cultura pop. L’ultima sera, a Ibiza, sarà messa all’incanto “art car”, un “ritratto” dell’Abarth 500 dipinto a mano da Alec Monopoly, street artist di fama. L’opera è valutata tra 100 e 200.000 dollari.

Condividi
Alvise-Marco Seno
Esperto di Marketing, Comunicazione e storia dell'automobile, giornalista/fotografo freelance, da sempre coltiva la passione per le auto sportive e d'epoca, l'orologeria meccanica e la fotografia. Dopo la laurea in Scienze Economiche si è trasferito a Milano. Oggi lavora nel settore dell'Automotive e collabora con riviste nazionali e internazionali (sia carta, sia web) nel settore automobilistico, lusso, e orologi.