Condividi

GIARDINETTA ALL’INGLESE. JAGUAR MOSTRA LE PRIME IMMAGINI DELLA NUOVA XF SPORTBRAKE, WAGON DALLE LINEE FILANTI E SPORTIVE. GUSTO BRITISH, AGGRESSIVA AL PUNTO GIUSTO, MA SOPRATUTTO, CLASSY. ALL’INTERNO TANTA TECNOLOGIA, PER GUIDATORE E PASSEGGERI.

La casa di Coventry festeggia i 10 anni della seria XF (la prima berlina prodotta sotto la direzione di Ian Callum) con la seconda generazione della sua “wagon sportiva”, la XF Sportbrake.

A 5 anni dal debutto della Station Wagon della casa del Giaguaro, il restyling proposto conferisce alla familiare (lunga 4,96 metri) una linea, specie nel posteriore, più snella e filante, grazie anche all’utilizzo dei fanali che ricalcano lo stile di quelli della F-Pace. Non è stata però dimenticata la componente grintosa di questa vettura, sopratutto nella calandra anteriore, con imponenti prese d’aria, sia centrali che laterali.

Come per la berlina, anche sulla Sportbrake la carrozzeria è in alluminio e la base meccanica a trazione posteriore o integrale (al momento è prevista solo quest’ultima versione per il mercato italiano), con una distribuzione dei pesi sugli assali del 50:50. Interessante e positiva la scelta delle sospensioni ad aria di serie al posteriore, che si regolano automaticamente in base al carico sostenuto dalla vettura.

Per quanto questa Jaguar non risulti eccessivamente imponente (come invece accade per alcune concorrenti, ad esempio la nuova Volvo V90), all’interno del bagagliaio (provvisto di apertura facilitata con movimento del piede come optional) si raggiunge una capacità di carico pari a 1700 litri con i sedili posteriori abbattuti. Per esaltare gli interni, che saranno molto curati e simili a quelli della controparte XF berlina, è stato adottato un ampio tetto panoramico in vetro che garantisce estrema luminosità.

Sempre dalla berlina sono prese le motorizzazioni con tecnlogia Ingenium, di cui solo una benzina, un 4 cilindri 2.0 da 250 CV. La pari versione diesel viene invece offerta con potenze di 163, 180 o 240 CV. Ma è il 6 cilindri 3.0 diesel a toccare il maximum di questo modello, con 300 CV e 700 Nm di coppia massima, capaci di spingere la wagon inglese da 0 a 100 in 6″6.

Cambio automatico ad 8 rapporti per tutte le motorizzazioni, fatta eccezione per quella da 163 CV che monta un classico manuale a 6 rapporti.

La tecnologia Configurable Dynamics (per gestire la risposta di cambio, acceleratore e sterzo), l’Adaptive Surface Response (migliora la trazione in base alla superficie e alle condizioni del manto stradale) e l’Intelligent Driveline Dynamics sono anch’essi presi dalla versione 4 porte, ma come plus vengono aggiunti il Drive Condition Monitoring che avverte in caso di stanchezza del conducente e un sistema di purificazione interna all’abitacolo, chiamato Cabin Air Ionisation.

La XF Sportbrake, che ha come testimonial Andy Murray, campione di tennis attuale numero uno nel ranking mondiale, farà mostra di sé come auto ufficiale al prossimo torneo di Wimbledon, mentre sarà presentata al Salone di Francoforte (12-24 settembre).

I PREZZI SUL MERCATO ITALIANO

  • Jaguar XF Sportbrake 2.0D I4 163 CV Pure (trazione posteriore, cambio manuale): € 46.780* (non disponibile al lancio)
  • Jaguar XF Sportbrake 2.0D I4 180 Cv Pure (trazione integrale, cambio automatico): da 53.660 euro (disponibile al lancio)