Condividi

IL CUSTOM DEL TUNING DEL TUNING. AMG HA INSTALLATO IL V12 BITURBO DA 612 CV IN UNA CLASSE G. HAMANN L’HA PORTATO A 700 CV. ORA IL TUNER RUSSO TOP CAR L’HA RESA L’AUTO PERFETTA PER IL TIPICO DANDY DELLA “MOSCA DA BERE”.

Nella grande Madre Russia, il modello Mercedes che va per la maggiore è la Grande Mercedes Madre Classe G, il granitico e stupefacente fuoristrada nato per portare i clienti della Stella dappertutto lungo i terreni più impervi e pericolosi.

Dacché la Lamborghini LM002 ha lasciato i solchi sull’asfalto e la larga diffusione dei SUV ha permesso di creare un segmento tutto per loro, anche l’inossidabile Mercedes Classe G si è piegata alle mode. E ha ceduto alle lusinghe del demone tentatore AMG, quello che trasforma ogni Mercedes in una supercar ad altissime prestazioni.

Così ha abbandonato iL ruolo di fuoristrada nudo & crudo per vestire i panni di uno stupefacente quanto inutile fuoristrada sportivo dalle performance abnormi (in tutti i sensi visto che si tratta di un veicolo con il baricentro posizionato sul tetto).

Oggi la Mercedes Classe G è disponibile nelle sportivissime versioni G63 AMG e G65 AMG, quest’ultima con motore 12 cilindri biturbo.

BENZINA SUL FUOCO

Il tuner Hamann, come noto, lavora “anche” sulle Mercedes AMG e crea versioni con potenze inimmaginabili, per il puro gusto di raggiungere livelli di performance inimmaginabili, a qualsiasi costo (nei primi Anni 90, ad esempio, svilupparono un tuning per la Ferrari F40 che sviluppava 700 Cv).

Su questa meccanica ha quindi creato la Hamann Spyridon, dove il V12 biturbo da 612 Cv e 1.000 Nm di coppia viene ulteriormente potenziato a 702 Cv e 1.110 Nm. Il potenziamento è frutto di un nuovo scarico sportivo e rimappatura della centralina elettronica.

Il kit di potenziamento è abbinato a un nuovo kit estetico con passaruota ulteriormente allargati, elementi di carrozzeria in fibra di carbonio (il cofano pesa solo 6,5 kg), minigonne, estrattore posteriore e spoiler in cima al tetto.

COCCODRILLO

Ed è qui che inizia l’intervento di Top Car. Il tuner russo ha sviluppato ulteriormente questo esemplare per accontentare la sete di esibizionismo propria di qualche oligarca dell’ex unione sovietica.

L’abitacolo è stato completamente personalizzato con un nuovo rivestimento integrale di tutto l’interno: pelle trapuntata e pelle di coccodrillo con inserti in radica.

Condividi
Alvise-Marco Seno
Esperto di Marketing, Comunicazione e storia dell'automobile, giornalista/fotografo freelance, da sempre coltiva la passione per le auto sportive e d'epoca, l'orologeria meccanica e la fotografia. Dopo la laurea in Scienze Economiche si è trasferito a Milano. Oggi lavora nel settore dell'Automotive e collabora con riviste nazionali e internazionali (sia carta, sia web) nel settore automobilistico, lusso, e orologi.