Condividi

6 PORTE ROVENTI. ARRIVA SUL MERCATO LA PICCOLA STATION WAGON ANGLO-TEDESCA IN VERSIONE “PETARDO”: 231 CAVALLI, 350 NM (25% IN PIU’ RISPETTO ALLA COOPER S), BUON TEMPO SULLO 0-100 E QUASI 240 ORARI. UNA “PICCOLA-FAMIGLIARE” (1.250 LITRI DI SPAZIO COMPLESSIVO IN 4,25 METRI DI LUNGHEZZA) PER CHI NON GRADISCE I TRANSATLANTICI SPORTIVI PROPOSTI DA AUDI E BMW.

Mini inaugura al Salone dell’Auto di Parigi 2016 la gamma John Cooper Works iniziando dalla versione Station Wagon: la Mini John Cooper Works Clubman diventa la versione più performante del listino Mini proponendo un prodotto sofisticato dal punto di vista meccanico e orientato alla massima offerta di spazio (in ambito Mini si intende!) dal punto di vista della versatilità.

E’ lunga 4.253 mm, larga 1.800, alta 1.441 e con un passo di 2.670 mm. Il baule offre 360 litri in configurazione standard, che possono aumentare a 1.250. Esteticamente si riconosce per il musetto modificato con calandra di disegno specifico (con logo John Cooper Works) e scudo paraurti reso più aggressivo da numerose prese d’aria. Sulla fiancata si notano i cerchi in lega John Cooper Works da 18 pollici e i brancardi ridisegnati e abbassati. In coda spiccano le due piccole grembialature che avvolgono i terminali di scarico singoli.

L’abitacolo si segnala per sedili sportivi John Cooper Works in Dinamica/stoffa carbon black con poggiatesta integrati, battitacco John Cooper Works, pacchetto MINI Excitement con possibilità di variare il colore dell’illuminazione dell’abitacolo.

MECCANICA

Il motore 4 cilindri con tecnologia MINI TwinPower Turbo, 2 litri di cilindrata, sfrutta la presenza di un nuovo turbocompressore e di intercooler maggiorato, pistoni modificati, radiatore di raffreddamento aggiuntivo, impianto di scarico sportivo (con tonalità differenti). Sviluppa 231 Cv tra 5.000 e 6.000 giri, 39 in più rispetto alla MINI Cooper S Clubman. La coppia massima sviluppata da questo motore è di 350 Nm tra 1.450 e 4.500 giri.

La trasmissione prevede la trazione integrale ALL4 abbinata al cambio meccanico a 6 rapporti (altrimenti  è disponibile lo Steptronic automatico sportivo a otto rapporti con paddles sul volante).

A livello telaistico il modello è stato aggiornato con impianto frenante sportivo fornito da Brembo e, naturalmente, assetto sportivo (optional il Dynamic Damper Control).

PRESTAZIONI

Sia con cambio meccanico, sia con automatico, la Mini John Cooper Works Clubman dichiara 6″3 sullo 0-100 e 238 km/h di velocità massima, con un consumo medio di 7,4 l/100 km.

DI SERIE

-Dynamic Stability Control (DSC)
-Dynamic Traction Control (DTC)
-Electronic Differential Lock Control (EDLC)
-Sensore Pioggia
-Sensore crepuscolare
-Park Assistant
-Telecamera di retromarcia
-Driving Assistant
-Active Cruise Control su base di telecamera
-Pedestrian Warning con funzione frenante
-High Beam Assistant
-Riconoscimento segnaletica stradale
-Climatizzatore
-Radio MINI Visual Boost con presa USB e Bluetooth

Condividi
Alvise-Marco Seno
Esperto di Marketing, Comunicazione e storia dell'automobile, giornalista/fotografo freelance, da sempre coltiva la passione per le auto sportive e d'epoca, l'orologeria meccanica e la fotografia. Dopo la laurea in Scienze Economiche si è trasferito a Milano. Oggi lavora nel settore dell'Automotive e collabora con riviste nazionali e internazionali (sia carta, sia web) nel settore automobilistico, lusso, e orologi.