Condividi

IL 10 LUGLIO 1919 FU FONDATA LA BENTLEY. AD UN SECOLO ESATTO LA EXP 100 GT CELEBRA QUELL’AVVENIMENTO E ANTICIPA I PROGETTI FUTURI NELLA NICCHIA DELLE GRAN TURISMO DI LUSSO. E’ UNA SUPERCAR ELETTRICA CHE, CON L’UTILIZZO DI INTELLIGENZA ARTIFICIALE, APRE UNA FINESTRA SUL FUTURO ANTERIORE DEL MARCHIO. ESSA DISEGNA IL POSSIBILE SCENARIO IN CUI LA CASA, TRA QUINDICI ANNI, SARA’ IMPEGNATA.

La Bentley EXP 100 GT festeggia 100 anni di storia di Bentley, inizia a gettare le basi per il futuro della gamma e immagina una coupé Bentley per l’anno 2035. E’ una sinuosa, lunga e avanzata due posti, sviluppata lungo volumi possenti, che sembrano tracciati dal vento e modellati con grazia e dolcezza. Naturalmente è una Bentley al primo sguardo per effetto delle grandi luci anteriori di forma tonda, l’enorme calandra squadrata e il grande passaruota posteriore che si ispira alla storica R-Type Continental. E’ lunga 5,8 metri e larga oltre 2,4, il corpo vettura è realizzato in alluminio e fibra di carbonio, ulteriormente impreziosito da dettagli in rame e ancora alluminio. Le portiere si aprono verso l’esterno e verso l’alto coprendo uno spazio di oltre tre metri.
Il tetto è prodotto con elevato utilizzo di tecnologia: consiste in una serie di prismi che catturano la luce solare, la trasformano in corrente elettrica e la convogliano ai sistemi di bordo. La luce, naturale o artificiale, viene gestita in modo intelligente per salvaguardare la salute dei passeggeri e rendere l’abitacolo un salotto.

MECCANICA

La Bentley EXP 100 GT monta quattro motori elettrici con batterie al litio. Il costruttore dichiara che in condizioni di marcia normale il peso della macchina sarà di 1.900 kg. I propulsori generano 1.500 Nm di coppia massima: per lo 0-100 sono necessari meno di 2″5 e la velocità massima super 300 km/h. Bentley sta sviluppando un sistema di ricarica delle batterie per avere l’80% di energia in 15 minuti. L’autonomia massima possibile con una sola ricarica sarà di 700 chilometri.
Per il confezionamento degli interni sono stati utilizzati cuoio, vetro, radica ricavata da alberi caduti in modo naturale, un sottoprodotto dell’industria risicola. L’abitacolo è stato creato pensando al comfort dei passeggeri sfruttando l’intelligenza artificiale. Il sistema, il Bentley Personal Assistant, analizza e monitora numerosi parametri utilizzando numerosi sensori (inclusi sensori biometrici) che studiano e valutano ambiente e condizioni fisiche degli occupanti interpretandoli in modo intuitivo e prendendep decisioni. Si può così scegliere tra cinque esperienze di guida/vita a bordo: Enhance, Cocoon, Capture, Re-Live e Customize. I passeggeri interagiscono con il Bentley Personal Assistnt utilizzando le due grandi interfacce, l’anteriore e la posteriore e comunicando mediante gesti con il sistema di bordo. Questo registra anche suoni e odori esterni, li raccoglie, li elabora e li purifica prima di trasmetterli all’interno. L’equipaggiamento consiste in numerosi sistemi di visualizzazione audio-video per offrire un’esperienza completa di vita a bordo orientata al comfort e al relax.