Condividi

TESTA O CROCE? PARI! AUDI STA PER PRESENTARE AL SALONE DI BEIJING UN NUOVO CROSSOVER CONCEPT CHE PREFIGURA UNA NUOVA GENERAZIONE DI MODELLI, CON UNO STILE PIU’ SPORTIVO. SI CHIAMERA’ Q4?

Al Salone di Beijing 2014 la Casa di Ingolstadt, che ha in Cina il suo mercato più importante, presenterà un nuovo crossover, del quale non anticipa il nome ma una semplice “didascalia”: Audi showcar Beijing 2014.

La possibilità è che alla rassegna della metropoli cinese vedremo una prefigurazione dell’Audi Q4, il modello che, a differenza della gamma dei Suv Audi più classici, Q3, Q5 e Q7, andrà a stuzzicare una clientela con esigenze un po’ più sofisticate (le stesse, del resto, che acquistano una BMW X6 e decidono di non scegliere una X5).

A una prima analisi delle forme della nuova vettura è possibile notare forme piuttosto simili alla Allroad Shooting Brake che abbiamo visto al Salone di Detroit 2014 e che ha prefigurato la terza generazione della nuova Audi TT presentata a Ginevra 2014.

Le forme appaiono sportive: sul frontale, le luci anteriori, di forma geometrica, sono piuttosto sottili. Il logo dei quattro anelli, a differenza della TT, è posizionato sulla grande calandra single frame. La parte inferiore è caratterizzata da prese d’aria laterali alquanto vistose e che fuoriescono dalla carrozzeria e da un labbro inferiore metallico con finitura smaltata.

Sulla fiancata si possono notare i passaruota particolarmente larghi. La greenhouse appare slanciata, con un grande arco che, partendo dal montante A va a definire, in coda, l’andamento discendente del tetto.

Nel posteriore, infine, lo scudo paraurti avvolge anche gli scarichi, tra loro raccordati da un elemento metallico con il logo “quattro”, segno della presenza della trazione integrale.

Condividi
Alvise-Marco Seno
Esperto di Marketing, Comunicazione e storia dell'automobile, giornalista/fotografo freelance, da sempre coltiva la passione per le auto sportive e d'epoca, l'orologeria meccanica e la fotografia. Dopo la laurea in Scienze Economiche si è trasferito a Milano. Oggi lavora nel settore dell'Automotive e collabora con riviste nazionali e internazionali (sia carta, sia web) nel settore automobilistico, lusso, e orologi.