Condividi

MILLE VOLTE. L’EDIZIONE 2014 DELLA MILLE MIGLIA SEGNA IL RECORD ASSOLUTO DEI PARTECIPANTI: 435 VETTURE ISCRITTE, ROBA DA MILLE MIGLIA VERA. 80% DI PARTECIPANTI STRANIERI, 35 MARCHI RAPPRESENTATI, UN MUSEO VIAGGIANTE INEGUAGLIABILE. QUEST’ANNO LA GARA DURA 4 GIORNI: SI TORNA A BRESCIA LA DOMENICA DOPO CIRCA 1.750 CHILOMETRI. 60 ANNI FA VINCEVA LA LANCIA D24 DI ALBERTO ASCARI (NON SE L’E’ RICORDATO NESSUNO!).

A 86 anni dalla prima edizione, disputatasi nel 1927, torna sulle strade italiane la Mille Miglia. La corsa rievocativa più famosa del mondo, manifestazione ineguagliabile per quantità e qualità delle auto partecipanti e degli appassionati che si misurano con la sua lunghezza, è partita oggi da Brescia alle ore 18 dopo un’eccitante giornata in cui tutte le auto si sono esibite “staticamente” nel centro di Brescia.

LE NOVITA’ DI QUEST’ANNO

Le novità della Mille Miglia 2014, la 32esima edizione rievocativa, vanno tutte nella direzione di fare della manifestazione un evento dei record:

435 vetture partecipanti (contro le 375 del 2013)
– 34 nazioni rappresentate
Un giorno in più di gara (la prima tappa si concluderà a Padova; la seconda tappa si concluderà a Roma, la terza tappa si concluderà a Bologna. Domenica, ultimo giorno di gara, le vetture torneranno a Brescia nel pomeriggio).
80 prove cronometrate (con 6 nuove prove a media imposta)

LE PRESENZE PIU’ NUMEROSE

La caratteristica qualificante della Mille Miglia è la capacità di attrarre le auto da collezione più importanti e preziose al mondo. Sono rappresentati 64 marchi: la parte del leone tocca a Mercedes-Benz con 45 automobili (e la più incredibile concentrazione di SSK e 300 SL Gullwing), seguono Alfa Romeo (con numerose 6C 1.750) con 43, FIAT con 35, Jaguar/SS con 32 (il Giaguaro è presente con uno squadrone ufficiale e tutte le vetture più importanti della sua storia: SS100 XK120, C-Type, D-Type) e Porsche con 24 vetture (un piccolo esercito di 356 e numerose 550 RS).

Tra le altre presenze più interessanti si segnalano ben 22 Bugatti, 19 Ferrari, 11 Maserati (e tra esse una Tipo 26, “parecchie” A6 GCS/53 e una 300 S), 23 Lancia, 18 Aston Martin, 12 BMW (molte 328 e ben 3 esemplari della stupenda 507 Roadster), 9 OM, 7 Cisitalia, 3 Lotus (tutte Lotus 11).

mille-miglia-2014_0-100_33

SPECIALE Mille Miglia 2014: la punzonatura a Brescia

mille-miglia-2014_om-665-superba-0-100_1

SPECIALE Mille Miglia 2014 – la partenza: le OM e le Bugatti

mille-miglia-2014_starting-grid-alfa-romeo-0-100_16

SPECIALE Mille Miglia 2014 – la Partenza: Alfa Romeo, Bentley, Mercedes e le “teste di serie”

mille-miglia-2014_starting-grid-0-100_0125

SPECIALE Mille Miglia 2014 – la partenza: prima e dopo la guerra

mille-miglia-2014_starting-grid-0-100_a150

SPECIALE Mille Miglia 2014 – la partenza: Gli Anni 50

mille-miglia-2014-giuliano-cane-bugatti-type-37

SPECIALE Mille Miglia 2014: Classifica alla fine della prima tappa

mille-miglia-2014-rome-brescia-0-100-3

SPECIALE Mille Miglia 2014: le storiche sono ripartite da Roma

mille-miglia-2014-rome-bologna-0-100-15

SPECIALE Mille Miglia 2014: la classifica della terza tappa.

speciale-mille-miglia-2014-giordano-mozzi-e-stefania-biacca-vincono-la-mille-miglia-2014-su-lancia-lambda-tipo-221-spider-del-1928_0-100

SPECIALE Mille Miglia 2014: vittoria a Mozzi-Biacca

mille-miglia-2014-giordano-mozzi-stefania-biacca-brescia-0-100-3

SPECIALE Mille Miglia 2014: la festa del podio

Condividi
Alvise-Marco Seno
Esperto di Marketing, Comunicazione e storia dell'automobile, giornalista/fotografo freelance, da sempre coltiva la passione per le auto sportive e d'epoca, l'orologeria meccanica e la fotografia. Dopo la laurea in Scienze Economiche si è trasferito a Milano. Oggi lavora nel settore dell'Automotive e collabora con riviste nazionali e internazionali (sia carta, sia web) nel settore automobilistico, lusso, e orologi.