Condividi

E IL TRIDENTE INFILZO’ L’HAMBURGER. MASERATI E’ L’UNICO MARCHIO ITALIANO TRIONFATORE ALLA 500 MIGLIA DI INDIANAPOLIS (1939 E 1940). LA SCORSA DOMENICA, NELL’ANNO DEI FESTEGGIAMENTI DEI 100 ANNI DEL TRIDENTE, LA 8CTF TELAIO 3032, LA VETTURA CHE VINSE LA GARA DEL 1939, HA COMPIUTO UN GIRO D’ONORE SULL’OVALE PIU’ FAMOSO DEL MONDO.

Dopo il successo a Villa d’Este (alla 450 S s/n 4502 il Best of Show, alla Maserati Alfieri il premio della categoria Concepts & Prototypes) negli stessi giorni l’azienda di Via Ciro Menotti viene festeggiata anche in America.

L’occasione è la storica 500 Miglia di Indianapolis, probabilmente la più famosa gara per monoposto che si tiene negli Stati Uniti.

La Maserati, come noto, è l’unico marchio italiano ad aver vinto la corsa: nel 1939 e nel 1940 con la monoposto 8CTF.

Proprio il telaio 3032, l’esemplare che ha vinto l’edizione del 1939 con al volante Wilbur Shaw, ha compiuto la scorsa domenica un Victory Lap sull’Indianapolis Motor Speedway prima dell’inizio della corsa. Johnny Rutherford, vincitore di 3 edizioni della 500 Miglia di Indianapolis, ha preso il volante di questa fondamentale monoposto per la storia della Maserati.

La Maserati 8CTF è, inoltre, ufficialmente la prima auto di fabbricazione NON americana ammessa dalla Historical Vehicle Association presso la Biblioteca del Congresso degli Stati Uniti. Registrata fra gli Standards for Heritage Documentation del Ministero degli Interni degli Stati Uniti, la documentazione rimarrà parte dell’HVA National Historic Vehicle Register e dell’Historic American Engineering Record (HAER).

Condividi
Alvise-Marco Seno
Esperto di Marketing, Comunicazione e storia dell'automobile, giornalista/fotografo freelance, da sempre coltiva la passione per le auto sportive e d'epoca, l'orologeria meccanica e la fotografia. Dopo la laurea in Scienze Economiche si è trasferito a Milano. Oggi lavora nel settore dell'Automotive e collabora con riviste nazionali e internazionali (sia carta, sia web) nel settore automobilistico, lusso, e orologi.