Condividi

LA GOMMA DEL TORO. PER FESTEGGIARE UN SODALIZIO NATO CON LA STESSA FONDAZIONE DELLA LAMBORGHINI, LA AVENTADOR SI PRESENTA IN VERSIONE SPECIALE PIRELLI EDITION. MECCANICA DI SERIE, DUE DIFFERENTI COMBINAZIONI DI COLORE DI CARROZZERIA, INTERNI IN PELLE E ALCANTARA CON MOTIVI ROSSI. DISPONIBILE COUPE’ O ROADSTER, SI PUO’ GIA’ ORDINARE.

Per celebrare la partnership con Pirelli, iniziata nel lontano 1963, anno di fondazione del Toro, Lamborghini presenta una serie speciale della Aventador.

La l’Aventador LP 700-4 Pirelli Edition, disponibile già presso i dealer di tutto il mondo, può essere acquistata in versione Coupé o Roadster. La meccanica rimane invariata (V12 6.5, trazione integrale, cambio semiautomatico a 7marce, 700 Cv, 0-100 in 2″9, 350 km/h, telaio monoscocca in fibra di carbonio, sospensioni push-rod).

Gli esterni prevedono due tipologie di abbinamento di colore:

1) Si può scegliere tra Giallo Spica, Rosso Mars, Bianco Isis, Nero Aldebaran, Grigio Liqueo e Grigio Ater per la parte bassa. Tetto, i montanti, gli specchietti retrovisori, il cofano motore, le prese d’aria anteriori, posteriori, laterali e mobili sono in nero opaco.

2) Alle 4 tinte opache – Bianco Canopus, Nero Nemesis, Grigio Adamas e Grigio Titans – si contrappongono il tetto, i montanti, gli specchietti retrovisori, il cofano motore, le prese d’aria anteriori, posteriori, laterali e mobili in nero lucido.

La serie speciale, inoltre, si riconosce per la linea rossa che corre lungo i lati del tetto, gli specchi, le prese d’aria anteriori e gli sfoghi posteriori. L’equipaggiamento di serie comprende anche cofano motore trasparente, il vano motore in carbonio, cerchi Dione in nero lucido da 20”/21”, pneumatici PZero con logo rosso, pinze rosse (gialle solo nel caso di esterno in Rosso Mars).

ABITACOLO

Gli interni sono caratterizzati da sedili in misto pelle/Alcantara con cuciture rosse a contrasto e decorati con la stessa linea rossa visibile sulla carrozzeria. Questa è visibile anche sul soffitto dell’abitacolo. Una targhetta personalizzata “Pirelli serie speciale” suggella il progetto.

LAMBORGHINI e PIRELLI: INSIEME DALLE ORIGINI

L’inizio della collaborazione tra il Toro e l’azienda milanese risale al ’63. Ferruccio Lamborghini chiese gomme Pirelli per il prototipo della 350 GTV carrozzata Touring Superleggera, la prima Lambo di sempre. Ottenne Le Pirelli Cinturato HS. Successivamente, nel 1967, la nuova Miura di Bertone riceve le Cinturato HS CN67 nella misura di Cinturato HS, nella misura 205 VR 15. Nel ’68 l’allora coupé stradale più veloce del mondo (300 km/h) adotta le Cinturato CN73, con misura 225/70 VR 15. Negli Anni 70 la Countach utilizza le Pirelli P7, che nella versione LP50o0 4V di metà Anni 80 adotterà smisurati componenti con 345 mm di battistrada.

Negli Anni 90 la Lamborghini Diablo utilizza, come primo equipaggiamento, le Pirelli PZero e la Murcielago (2002) e Gallardo le PZero Rosso. Oggi la Huracan utilizza versioni speciali delle PZero Rosso con marcatura specifica “L”.

Condividi
Alvise-Marco Seno
Esperto di Marketing, Comunicazione e storia dell'automobile, giornalista/fotografo freelance, da sempre coltiva la passione per le auto sportive e d'epoca, l'orologeria meccanica e la fotografia. Dopo la laurea in Scienze Economiche si è trasferito a Milano. Oggi lavora nel settore dell'Automotive e collabora con riviste nazionali e internazionali (sia carta, sia web) nel settore automobilistico, lusso, e orologi.