Condividi

Carroll Shelby, il padre delle Cobra, presenta al Salone dell’Auto di New York la sua ultima fatica. La Shelby Mustang GT 1000, prodotta dalla Shelby American Inc (del Gruppo Carroll Shelby International) ambisce a essere la testimonianza più autentica della passione del suo creatore per le prestazioni pure. Anzi, una filosofia di vita. Che lo portò, negli Anni 60 a trasformare le AC Ace Bristol nelle possenti Cobra 427.

La Shelby GT 1000, una specie di celebrazione di 50 anni di attività, è disponibile in due versioni: quella rigorosamente stradale dichiara una potenza massima di 950 Cv. La versione concepita anche per l’uso in pista ha un picco di potenza di oltre 1.100 Cv.

Esternamente si caratterizza per la nuova veste estetica ancora più grintosa, con componenti inediti a cui è demandata una precisa funzione aerodinamica o di miglioramento dell’efficienza a beneficio del motore (scudo paraurti anteriore, cofano, estrattore posteriore).

In entrambi i casi il team di tecnici guidato da Carroll Shelby è partito dalla Ford Mustang GT500. L’8 cilindri a V da 5,4 litri è stato completamente riprogettato: nuovi pistoni, nuove bielle, nuovo albero motore, nuove teste, nuovo compressore volumetrico, nuovo impianto di aspirazione, nuovo albero di trasmissione.

Anche sospensioni e freni sono stati modificati: il primo comparto presenta nuovi componenti più rigidi. Il secondo dispone di dischi maggiorati con pinze anteriori a 6 pompanti e posteriori a 4.

La Shelby GT 1000 è in listino 149.500 dollari (esclusa la donor car, la Mustang GT 500).

Condividi
Alvise-Marco Seno
Esperto di Marketing, Comunicazione e storia dell'automobile, giornalista/fotografo freelance, da sempre coltiva la passione per le auto sportive e d'epoca, l'orologeria meccanica e la fotografia. Dopo la laurea in Scienze Economiche si è trasferito a Milano. Oggi lavora nel settore dell'Automotive e collabora con riviste nazionali e internazionali (sia carta, sia web) nel settore automobilistico, lusso, e orologi.