Condividi

FRADICI MA CARICHI COME MOLLE. I 415 EQUIPAGGI ARRIVANO A FERRARA A TARDA SERA. POCHE ORE DI SONNO E POI VIA VERSO ROMA. IN TESTA GLI ARGENTINI FAVORITI.

Nonostante condizioni meteo molto avverse (un’esondazione nella zona di Vicenza ha causato un cambio di percorso ma nessuna delle prove cronometrate sono state annullate), la prima vettura della Mille Miglia ha varcato la porta della città Estense passata la mezzanotte.

Ad eccezione della “strana” Mille Miglia del 1940 (quella che si svolse sul tracciato Brescia – Mantova – Cremona), Ferrara ha sempre ospitato il passaggio della classica italiana.

A Ferrara, in concomitanza con l’arrivo, si è svolto anche l’ultimo Controllo Orario della giornata. Prima della pausa notturna (qualche ora di sonno), le vetture si sono concesse un piccolo defilé per scaricare l’adrenalina in Piazza Trento e Trieste.

CLASSIFICA DELLA PRIMA TAPPA

1. Tonconogy – Berisso (Bugatti Type 40, 1927)
2. Moceri – Cavalleri (Aston Martin Le Mans, 1933)
3. Cane’ – Reichl (Bugatti Type 37 Grand Prix, 1927)

Condividi
Alvise-Marco Seno
Esperto di Marketing, Comunicazione e storia dell'automobile, giornalista/fotografo freelance, da sempre coltiva la passione per le auto sportive e d'epoca, l'orologeria meccanica e la fotografia. Dopo la laurea in Scienze Economiche si è trasferito a Milano. Oggi lavora nel settore dell'Automotive e collabora con riviste nazionali e internazionali (sia carta, sia web) nel settore automobilistico, lusso, e orologi.