Condividi

QUELL’AUTENTICA PASSIONE. INVECE DI “DROGARE” DI MARKETING LE PROPRIE IDEE, MCLAREN, PUR SEGUENDO INEVITABILMENTE LE MODE, UTILIZZA UN INGREDIENTE FONDAMENTALE PER LE PROPRIE AUTO: LA PASSIONE. LA NUOVA 650S E LA GRANDIOSA P1 IBRIDA DA 916 CAVALLI SONO STREPITOSE (SE, PERO’, LA P1 NON AVESSE QUEL COLORE DISGUSTOSO SAREBBE ANCORA PIU’ BELLA!).

Lo stand McLaren, molto affollato, accoglie la debuttante 650S, il modello che si posiziona sopra la MP4-12C e, inevitabilmente, le strappa di dosso tutta la sua importanza. Si tratta, come scritto su 0-100.it recentemente, di una strategia ben precisa e che si pone l’obbiettivo di ricavare lo spazio di mercato adatto al modello baby, la P13.

La 650S, con il muso della P1, appare molto “più McLaren” della MP4-12C. Ma non solo: se lo stile ha beneficiato di una complessa modifica che avvicina il prodotto al modello top di gamma, creando suggestione, anche l’allestimento è stato arricchito significativamente per rispondere ancora più precisamente alle esigenze di un cliente di questa fascia di prezzo.

Con il piantone dello sterzo regolabile elettricamente, impianto freni in carboceramica e interni più lussuosi (in un’ottica sportiva, s’intende) la McLaren 650S è come non mai una validissima alternativa alle titolatissime italiane (Ferrari 458 Speciale e Lamborghini Huracan).

Poco potrebbe importare, in quest’ottica, una potenza di 650 cavalli. L’importante è quello che la McLaren (marchio dal passato più sportivo ancorché stradale) riesce a simboleggiare.

Il suo DNA, del resto, è lo stesso della “clamorosa” P1 ibrida, un laboratorio con le ruote di un fascino incommentabile, che riconosci al 100% nella definizione che ne dà il costruttore: “l’auto da strada più vicina alla pista che esista“.

special-salon-salone-geneve-ginevra-geneva-0-100.low

Gli Speciali di 0-100.it: Salone di Ginevra 2014

Condividi
Alvise-Marco Seno
Esperto di Marketing, Comunicazione e storia dell'automobile, giornalista/fotografo freelance, da sempre coltiva la passione per le auto sportive e d'epoca, l'orologeria meccanica e la fotografia. Dopo la laurea in Scienze Economiche si è trasferito a Milano. Oggi lavora nel settore dell'Automotive e collabora con riviste nazionali e internazionali (sia carta, sia web) nel settore automobilistico, lusso, e orologi.