Condividi

SECONDO LE DICHIARAZIONI DI FONTI ANONIME DI GENERAL MOTORS CORVETTE STAREBBE PER DIVENTARE UN MARCHIO DEL GRUPPO CON UNA PROPRIA GAMMA PRODOTTO: E POTREBBE NASCERE UNA CORVETTE C8 SUV

Ci sono miti che crollano, ce ne sono altri che resistono, ci sono auto che cercano di diventarlo. Ma ci vuole tempo. E la rapidità con cui cambia il mercato influisce, in quest’epoca, su tutti i prodotti.

La Chevrolet Corvette sta iniziando una nuova era: dal 1953 a oggi ha sempre mantenuto il motore anteriore ma la nuova generazione C8 ha deciso per un cambio epocale e ha spostato il motore sull’asse posteriore.

UN BRAND CORVETTE?

Non è l’unica novità epocale. A poche ore dal lancio della prima Corvette con motore posteriore-centrale arriva un altro annuncio sconvolgente (ma resta, almeno attualmente, solo una chiacchiera da bar.) Non meglio identificate fonti interne a General Motors (che vogliono restare anonime, guarda caso), stanno diffondendo la notizia che la Corvette sarà oggetto di una complessa operazione di riposizionamento e rebranding. Corvette, quindi, diventerebbe un vero marchio costruttore, con proprio listino e propria gamma prodotto. Corvette vorrebbe cercare una presenza più forte sul mercato nei segmenti più “alto di gamma” e, per fare questo, ha bisogno di produrre più modelli per acquisire maggiore reputazione da parte dei clienti Premium.

Le Corvette diventerebbero, secondo questa visione, addirittura tre e, sfruttando le economie di scala del gruppo, con diversi layout: oltre alla Corvette Coupé con motore centrale appena annunciata, potrebbe nascere una berlina sportiva (in concorrenza con Panamera BMW Serie 8, Audi S7 e Mercedes Classe S Coupé; e che potrebbe avere anche una versione Shooting Brake) e un modello SUV-Crossover che potrebbe opporsi alla Lamborghini Urus.