Condividi

DOVE IL CIELO E’ PIU’ SUV. LA VOLKSWAGEN T-ROC CONCEPT APRE A UNA NUOVA GENERAZIONE DI SUV E CROSSOVER DEL MARCHIO DI WOLFSBURG CHE VANNO AD ALLARGARE LA GAMMA, ATTUALMENTE LIMITATA SOLO A TIGUAN E TOUAREG. MONTA IL MOTORE DELLA GOLF GTD, TRAZIONE INTEGRALE 4MOTION, CORPO VETTURA 2 PORTE COUPE’ MA CHE, RIMUOVENDO IL TETTO, SI TRASFORMA IN SPIDER.

La strategia Volkswagen per allargare la famiglia di modelli SUV è già in atto. L’anno scorso furono presentati i concept CrossBlue (NAIAS 2013), CrossBlue Coupé (Pechino 2013) e Taigun per dare una giusta dimostrazione di forza in mercati molto importanti come gli USA, la Cina e l’India.

Al Salone di Ginevra 2014 fa il suo ingresso la Volkswagen T-Roc, un prototipo di un SUV medio piccolo che potrebbe trovare adeguato spazio sotto la Volkswagen Tiguan.

DESIGN

La T-Roc (la lettera T lo avvicina a Tiguan e Touareg, Roc suggerisce la parola Rock per riferirsi alle sue capacità di fuoristrada) è un SUV due porte con capacità di fuoristrada ma fascino “Spider”.

La forma dell’anteriore è data dalla griglia inferiore a nido d’ape (con, ancora più sotto, un labbro sporgente in fibra di carbonio che sovrasta una vistosa protezione del sottoscocca) e dal nuovo elemento di design superiore (con al centro il logo Vw) e, al centro, un grande fascione in tinta con la carrozzeria (che ospita, ai lati, due grandi elementi tondi che ospitano altrettanti proiettori a led, integrati con telecamere che si orientano in curva, e si ispirano alla Volkswagen Karmann Ghia Tipo 34).

Questa specie di calandra superiore è integrata con una traversa in look alluminio che racchiude le luci diurne a LED e gli indicatori di direzione.

Sulla fiancata si apprezza la forma allungata del frontale, la linea bassa e filante della greenhouse e un lungo listello di alluminio che si estende fino a tutti i montanti C dando l’impressione di una specie di rollbar posteriore.

Le metà del tetto rimovibili sono integrate tra questo roll-bar immaginario e la cornice del parabrezza. Una volta smontate queste, e abbassati tutti e quattro i cristalli laterali, la T-ROC si trasforma in una cabriolet.

MECCANICA

La T-Roc è equipaggiata con la trazione integrale 4Motion con frizione Haldex di livello 5. La trasmissione riceve coppia, attraverso il cambio DSG a doppia frizione (7 marce, dal 4 cilindri 2000 TDI da 184 Cv e 380 Nm della Volkswagen Golf GTD. Il peso di 1.420 kg consente un’accelerazione 0-100 km/h in 6″9 e 210 km/h  di velocità massima.

Sviluppata sulla piattaforma trasversale MQB, ha una lunghezza di 4.179 mm, per 1.831 di larghezza e 1.501 di altezza. E’ equipaggiato con ruote da 19″ con pneumatici 245/45.

La trasmissione possiede tre modalità di funzionamento, Street, Offroad e Snow, che agiscono sull’erogazione del motore, sulla gestione del cambio, sull’ABS, sulla partenza assistita in salita e la marcia assistita in discesa. Nel primo caso la T-Roc funziona come una trazione anteriore pura e solo in caso di necessità parte della coppia viene trasmessa all’asse posteriore. Negli altri due casi la coppia si distribuisce al 50% sui due assi.

ABITACOLO

L’interno per 4 passeggeri della Volkswagen T-Roc prevede soluzioni funzionali che riflettono il suo carattere off road: touchscreen sulla consolle centrale in forma di un tablet, telecamera HD sullo specchio retrovisore, strumentazione e controlli della climatizzazione completamente digitali con display AMOLED (Active Matrix Organic LED)

Il colore Bluesplash Metallic della plancia crea una tipica atmosfera moderna e trendy, accentuata dai sedili in pelle blu che sfuma in antracite

Condividi
Alvise-Marco Seno
Esperto di Marketing, Comunicazione e storia dell'automobile, giornalista/fotografo freelance, da sempre coltiva la passione per le auto sportive e d'epoca, l'orologeria meccanica e la fotografia. Dopo la laurea in Scienze Economiche si è trasferito a Milano. Oggi lavora nel settore dell'Automotive e collabora con riviste nazionali e internazionali (sia carta, sia web) nel settore automobilistico, lusso, e orologi.