Condividi

ALLA FACCIA DEL MERCATO VIVACE. MENTRE IL MERCATO DELLE AUTO NUOVE AFFONDA NEL BARATRO, I MODELLI DA COLLEZIONE SONO IN UN MOMENTO MAGICO

Il sito di inserzioni Anamera.com, avvezzo solo a considerare “pezzi” di una certa caratura, propone in vendita una delle 36 Ferrari 250 GTO 1962. La richiesta è 41 milioni di dollari, pari a 31 milioni di euro.

L’esemplare è attualmente nelle mani di Ed Classics, un venditore della Gran Bretagna specializzato in pezzi di prestigio. Il suo portfolio comprende automobili di valore inestimabile: una Ferrari 250 GT California Passo Lungo e una Passo Corto, 2 Ferrari 250 SWB, un paio di F40, una FXX e una 288 GTO.

Tra le outsider figurano una coppia di McLaren F1 e una Porsche 550 RS (2,8 milioni di euro).

QUALE SARA’?

La breve descrizione che si trova sulla pagina di Ed Classics del sito Anamera.com parla di un esemplare con guida a sinistra, colore rosso e interno nero.

Le candidate, allora, potrebbero essere: 3223GT (la prima 250 GTO prodotta), 3451GT, 3527 GT (7ma al Tour de France 1962), 3607GT (si dice negli Anni 90 fosse in Italia), 3705GT (2nda assoluta alla 24 Ore di Le Mans del ’62), 3757GT (3a assoluta alla 24 Ore di Le Mans ’62), 3851GT (2nda assoluta al Tour de France ’62), 3909GT, 3943 GT (2nda ass. alla Mille Chilometri del Nurburgring del ’63), 4115 GT, 4293 GT (1a alla 500 Km di Spa del ’62, 2nda alla 24 Ore di Le Mans del ’63), 4757GT (acquistata nuova dalla Scuderia Serenissima di Venezia) o 5111GT (vincitrice del Tour de France ’63 e seconda assoluta all’edizione ’64).

UN 2012 STRAORDINARIO

Il 2012 passerà alla storia come uno dei più interessanti per i passaggi di mano di 250 GTO. Lo scorso giugno abbiamo dato la notizia che il telaio 3505GT è stato venduto in quei giorni a 35 milioni di dollari. Qualche mese prima, in febbraio, sembra che anche la 5095GT abbia cambiato proprietario per 32 milioni di dollari.

Condividi
Alvise-Marco Seno
Esperto di Marketing, Comunicazione e storia dell'automobile, giornalista/fotografo freelance, da sempre coltiva la passione per le auto sportive e d'epoca, l'orologeria meccanica e la fotografia. Dopo la laurea in Scienze Economiche si è trasferito a Milano. Oggi lavora nel settore dell'Automotive e collabora con riviste nazionali e internazionali (sia carta, sia web) nel settore automobilistico, lusso, e orologi.