Condividi

SCUDERIE FORD. LO STABILIMENTO FORD DI FLAT ROCK HA INIZIATO LA PRODUZIONE DELLA SESTA GENERAZIONE DELLA MUSTANG. LA PONY CAR PIU’ FAMOSA DEL MONDO SARA’ VENDUTA IN 120 PAESI (25 CON GUIDA A DESTRA). IN EUROPA ARRIVERA’ CON IL 4 CILINDRI ECOBOOST DA 310 CV O IL V8 5 LITRI DA 435 CV.

Ford annuncia che è iniziata la produzione della nuova generazione della Mustang. Lo stabilimento di Flat Rock, nel Michigan, produrrà abbastanza vetture per una vera invasione di mercato: la sesta generazione della Ford Mustang, infatti, sarà venduta in oltre 120 Paesi (tra cui 25 con guida a destra) e, come noto, dal 2015 ufficialmente anche in Europa.

In 50 anni di storia di quest’automobile sono stati prodotti oltre 9,2 milioni di esemplari, un numero enorme che il brand vuole aumentare a dismisura creando una vera e propria Mustang globale.

Il nuovo modello, con geometria delle sospensioni completamente rivista, ampio uso di alluminio per contenere ed equilibrare il peso della vettura e nuove soluzioni moderne, è più confortevole e più guidabile. Per meglio rispondere alle esigenze degli scenari europei, inoltre, debutta un nuovo propulsore 4 cilindri di grande potenza.

In Europa, infatti, la Ford Mustang sarà in vendita con 2 motori (4 cilindri 2.3 Ecoboost da 310 Cv e V8 5 litri da 435 Cv, profondamente aggiornato rispetto alla precedente generazione) e 2 carrozzerie: Coupé e Convertible.

Tutti gli esemplari costruiti e venduti nel 2015 saranno personalizzati con una targhetta celebrativa recante “Mustang – Since 1964”, e sistemata sulla plancia.

L’impianto di Flat Rock (dove già nasce la Ford Fusion, prevista sui nostri mercati dell’Europa entro fine anno) ha iniziato a produrre Mustang nel 2004 e nel 2013 ha costruito il milionesimo esemplare. La fabbrica, con un investimento di 555 milioni di dollari, è stata aggiornata per adattarsi al nuovo modello: è stata re-ingegnerizzata la linea di produzione al fine di renderla più flessibile. Con oggi, inoltre, si inaugurano nuove aree: verniciatura, saldobrasatura al laser e controllo qualità.

Condividi