Condividi

CHIAMATELA F-TI-PREGO-NON-ROMPERTI. IL NOME UFFICIALE DELLA MONOPOSTO DI F1 DELLA FERRARI PER IL 2014 VIENE AFFIDATO A UN REFERENDUM POPOLARE. SUL SITO WEB UFFICIALE SI PUO’ VOTARE IL NOME PROPOSTO. SI INIZIA IL 16 MARZO: NUOVI MOTORI, COSTI SCHIZZATI ALLE STELLE, TANTE INCOGNITE (RIUSCIRA’ UN V6 1.6 TURBO DA 600 CV A TENERE PER 4.000 CHILOMETRI?).

Il 25 gennaio, tra 8 giorni, Ferrari darà in pasto al mondo la sua nuova monoposto per il campionato di F1 2014.

L’edizione numero 65 del Mondiale di F1, che inizia il prossimo 16 marzo a Melbourne, sarà ricordata a lungo: per le novità tecniche che, letteralmente, stravolgono le vetture e, probabilmente, per i numerosi problemi di budget che determineranno per le squadre.

Ferrari, in questo momento, deve risolvere un problema fondamentale: il nome della sua macchina. Per la denominazione della monoposto, è stata lanciata un’iniziativa ufficiale. Il nome della Rossa sarà determinato secondo un referendum popolare affidato agli appassionati di tutto il mondo.

Il nome del nuovo motore Ferrari, al contrario, è già noto: si chiama 059/3 e dovrebbe fornire oltre 750 Cv.

Sul sito web ufficiale dell’azienda di Maranello è possibile scegliere tra le seguenti opzioni:

– Ferrari F14T
– Ferrari F14 Maranello
– Ferrari F14 Scuderia
– Ferrari F166 Turbo
– Ferrari F616

LE NUOVE REGOLE DELLA F1

La novità più importante riguarda i motori: quest’anno le vetture saranno equipaggiate con un V6 di 90° da 1,6 litri di cilindrata con turbocompressore (non accadeva dal 1988). E’ stabilito un limite di giri a 15.000 e un’autonomia di almeno 4.000 chilometri.

Al motore è abbinato il sistema KERS e un nuovo dispositivo Energy Recovery System (ERS) che sfrutta l’aria di scarto del turbocompressore e la trasforma in corrente elettrica che alimenta la trasmissione.

Le vetture hanno un nuovo musetto (altezza massima dal suolo a 18,5 cm), nuova posizione degli scarichi, 690 kg di peso.

IL CALENDARIO 2014

1 Australia: Australian Grand Prix, Albert Park Circuit, Melbourne, 16 marzo
2 Malesia: Malaysia Grand Prix, Sepang International Circuit, Sepang, 30 marzo
3 Bahrein: Bahrain Grand Prix, Bahrain International Circuit, Manama, 6 aprile
4 Cina: Chinese Grand Prix, Shanghai International Circuit, Shanghai, 20 aprile
5 Spagna: Gran Premio de España, Circuit de Catalunya, Barcellona, 11 maggio
6 Monaco: Grand Prix de Monaco, Circuit de Monaco, Monte Carlo, 25 maggio
7 Canada: Grand Prix du Canada, Circuit Gilles Villeneuve, Montréal, 8 giugno
8 Austria: Großer Preis von Österreich, Red Bull Ring, Spielberg bei Knittelfeld, 22 giugno
9 Regno Unito: British Grand Prix, Silverstone Circuit, Silverstone, 6 luglio
10 Germania: Großer Preis von Deutschland, Hockenheimring, Hockenheim, 20 luglio
11 Ungheria: Magyar Nagydíj, Hungaroring, Budapest, 27 luglio
12 Belgio: Belgian Grand Prix, Circuit de Spa-Francorchamps, Francorchamps, 24 agosto
13 Italia: Gran Premio d’Italia, Autodromo Nazionale di Monza, Monza, 7 settembre
14 Singapore: Singapore Grand Prix, Singapore Street Circuit, Singapore 21 settembre
15 Giappone: Japanese Grand Prix, Circuito di Suzuka, Suzuka, 5 ottobre
16 Russia: Russian Grand Prix, Sochi International Street Circuit, Sochi, 12 ottobre
17 Stati Uniti: United States Grand Prix, Circuito delle Americhe, Austin, 2 novembre
18 Brasile: Grande Prêmio do Brasil, Autódromo José Carlos Pace San Paolo del Brasile, 9 novembre
19 Emirati Arabi: Uniti Abu Dhabi Grand Prix, Yas Marina Circuit, Isola Yas, 23 novembre

Condividi
Alvise-Marco Seno
Esperto di Marketing, Comunicazione e storia dell'automobile, giornalista/fotografo freelance, da sempre coltiva la passione per le auto sportive e d'epoca, l'orologeria meccanica e la fotografia. Dopo la laurea in Scienze Economiche si è trasferito a Milano. Oggi lavora nel settore dell'Automotive e collabora con riviste nazionali e internazionali (sia carta, sia web) nel settore automobilistico, lusso, e orologi.