Condividi

FAST, FURIOUS & LUXURIOUS. ECCO LA PRIMA IMMAGINE UFFICIALE DELL’INFINITI Q50 EAU ROUGE CONCEPT, CHE SARA’ PRESENTATA AL SALONE DI DETROIT DI META’ GENNAIO. LO STILE SI E’ FATTO PARTICOLARMENTE AGGRESSIVO, CON TANTA FIBRA DI CARBONIO A VISTA PER SUGGERIRE GRANDE SPORTIVITA’. FORSE ANCHE TROPPO?

Grazie al potenziamento d’immagine offerto dal successo in F1 del team Red Bull di cui è sponsor principale (quattro titoli costruttori, quattro titoli piloti consecutivi vinti dal suo primo uomo di macchina, Sebastian Vettel) Infiniti inizia a fare la voce grossa anche tra le berline sportive.

Trattandosi di una nicchia molto interessante e affollata (le Audi S e RS, le BMW M, le Mercedes AMG, le Cadillac V e le Lexus F) il marchio premium giapponese della galassia Renault – Nissan non può mancare.

Al Salone dell’Auto di Detroit 2014 verrà presentata la Q50 Eau Rouge concept sviluppata con l’aiuto della scuderia Red Bull e utilizzando alcuni ritrovati della Red Bull RB9, la vettura che ha corso il campionato 2013.

STILE POSSENTE

L’immagine elegante e sontuosa dell’Infiniti Q50 si è decisamente spostata verso un connotato più sportivo. Lo stile sofisticato fa il pieno di aggressività e i particolari tecnici dell’estetica trasudano corse da tutti gli angoli.

Così è per il grande scudo anteriore con vistoso spoiler inferiore in fibra di carbonio. Dello stesso materiale sono anche le calotte degli specchietti, il tetto (la trama della fibra è completamente a vista) e le minigonne. Sulla fiancata si può notare anche la particolare forma della parte finale dell’arco passaruota anteriore, staccato dalla carrozzeria per “liberare” il flusso in uscita.

Sulla Q50 Eau Rouge Concept sono montate ruote in lega da 21″ e un potente impianto frenante fornito dalla Brembo le cui prestazioni superiori sono anticipate dalle pinze colore rosso intenso.

Condividi
Alvise-Marco Seno
Esperto di Marketing, Comunicazione e storia dell'automobile, giornalista/fotografo freelance, da sempre coltiva la passione per le auto sportive e d'epoca, l'orologeria meccanica e la fotografia. Dopo la laurea in Scienze Economiche si è trasferito a Milano. Oggi lavora nel settore dell'Automotive e collabora con riviste nazionali e internazionali (sia carta, sia web) nel settore automobilistico, lusso, e orologi.