Condividi

DO NOT DISTURB, ARTISTI AL LAVORO! LA MCLAREN P1 IL GIOIELLO PIU’ COMPLESSO E STRAORDINARIO DELLA STORIA MCLAREN, EREDE DELL’M6B GT COUPE‘ DEL ’69 E DELLA FAVOLOSA MCLAREN F1, E’ UFFICIALMENTE IN PRODUZIONE. CHI VINCERA’ LA SFIDA DELLE HYPER CAR?

La nursery del McLaren Group sta iniziando ad affollarsi. E’ infatti iniziata, presso gli stabilimenti inglesi di McLaren Automotive, la produzione della McLaren P1, proposta al prezzo di 866.000 sterline inglesi, pari a poco più di 1 milione di Euro.

Lunghi, complessi ed estenuanti test dal gelo del Nord Europa ai deserti americani hanno definitivamente prodotto il via libera alla produzione della nuova hypercar ibrida inglese.

La McLaren P1, come noto, è prodotta intorno alla stessa monoscocca in fibra di carbonio della MP4-12C. Il motore, nuovamente lo stesso V8 biturbo 3.8 dell’MP4-12C, è stato sviluppato e portato a produrre circa 740 Cv.

Lo affianca un motore elettrico da 179 Cv che portano il risultato finale del gruppo moto propulsore a 916 Cv e 900 Nm di coppia. Secondo il costruttore la McLaren P1 brucia lo 0-100 in meno di 3 secondi e si spinge fino a 350 km/h di velocità massima (autolimitati).

Secondo le notizie dell’importatore ufficiale, in Italia è stato venduto, a oggi, 1 esemplare (è importata ufficialmente dal Gruppo Fassina di Milano). La produzione complessiva sarà di 375 unità in tutto il mondo, tutte personalizzabili a misura del cliente.

CONCORRENZA ALTISONANTE

Per confronto, le principali concorrenti della McLaren P1 sono la Porsche 918 Spyder Hybrid e la Ferrari LaFerrari.

La bomba ecocompatibile di Stoccarda (dichiara un consumo medio di 3,3 l/100 km) è apparsa in versione definitiva all’ultimo Salone dell’Auto di Francoforte.  Produce, complessivamente 887 Cv e 1.280 Nm, percorre lo 0-100 in 2″8 e tocca 343 Km/h. Sarà prodotta in 918 esemplari a partire da oltre 750.000 euro di prezzo ed è disponibile, dietro versamento di una consistente maggiorazione di prezzo, anche in versione Weissach Pack.

L’ultima furia stradale rossa di Maranello, la prima vettura ibrida del Cavallino Rampante, fin dalla sua prima apparizione ufficiale a Ginevra 2013 ha mantenuto uno stretto riserbo sulle sue caratteristiche, specialmente le prestazioni. Monta il V12 6.3 già in uso su Ferrari FF e Ferrari F12 Berlinetta ma, in questo caso, abbinato al motore elettrico. La potenza massima è “solo” di 800 Cv e le prestazioni sono superbe: 0-100 con partenza da fermo in meno di 3″, da 0 a 200, in meno di 7″ e da 0 a 300 in 15″.

Condividi
Alvise-Marco Seno
Esperto di Marketing, Comunicazione e storia dell'automobile, giornalista/fotografo freelance, da sempre coltiva la passione per le auto sportive e d'epoca, l'orologeria meccanica e la fotografia. Dopo la laurea in Scienze Economiche si è trasferito a Milano. Oggi lavora nel settore dell'Automotive e collabora con riviste nazionali e internazionali (sia carta, sia web) nel settore automobilistico, lusso, e orologi.