Condividi

L’INFERNO (VERDE) PUO’ ATTENDERE. POTREBBERO ESSERE STATI RISOLTI I PROBLEMI DEL NURBURGRING. LE DUE SOCIETA’ CHE L’HANNO ACQUISTATO QUALCHE MESE FA NON RIESCONO A RESTITUIRE IL PRESTITO (77 MILIONI DI EURO) PER L’ACQUISTO. SI E’ FATTO AVANTI UN MILIARDARIO RUSSO (VISTO RECENTEMENTE ALLA MILLE MIGLIA CON UNA MERCEDES 500K) CHE HA AZZERATO IL DEBITO. LA PISTA TEDESCA SOPRAVVIVERA’ PER LA GIOIA DI APPASSIONATI E COSTRUTTORI?

Mancano le conferme ufficiali tuttavia il tabloid economico tedesco Wirtschafts Woche scrive che il circuito del Nurburgring ha un  nuovo proprietario. Il miliardario russo Viktor Kharitonin, azionista di maggioranza dell’azienda farmaceutica Pharmstandard, un colosso da 3 miliardi di dollari di capitalizzazione, avrebbe acquistato il pacchetto di maggioranza dalla Capricorn, attuale proprietaria del complesso. Questa, insieme a un altro soggetto, la Getspeed, aveva rilevato la pista lo scorso marzo salvandola dalla bancarotta con un investimento di 77 milioni di euro ricevuti in prestito da una istituti di credito tedeschi.

Getspeed era riuscita a restituire la sua quota del prestito. Capricorn, titolare di 2/3 delle azioni, ha presto incontrato difficoltà nella restituzione dell’ingente somma ricevuts dalla Deutsche Bank. Sarebbe, quindi, entrato in scena Viktor Kharitonin che avrebbe già pagato una seconda rata del maxi-prestito e avrebbe già pianificato il pagamento della terza.

La notizia, se confermata, darebbe un’immediata iniezione di speranza per le sorti del Nurburgring. Se Capricorn e Gestpeed, infatti, si fossero rivelate definitivamente insolventi, la pista sarebbe stata immediatamente chiusa.

Condividi
Alvise-Marco Seno
Esperto di Marketing, Comunicazione e storia dell'automobile, giornalista/fotografo freelance, da sempre coltiva la passione per le auto sportive e d'epoca, l'orologeria meccanica e la fotografia. Dopo la laurea in Scienze Economiche si è trasferito a Milano. Oggi lavora nel settore dell'Automotive e collabora con riviste nazionali e internazionali (sia carta, sia web) nel settore automobilistico, lusso, e orologi.