Condividi

SARA’ VERA GLORIA? AI POSTERI L’ARDUA SENTENZA. GINEVRA HA TENUTO A BATTESIMO L’ARRIVO DELLA NUOVA PICCOLA SPORTIVA DEL BISCIONE. INTERNI ANCORA NON DEFINITIVI.

L’Alfa Romeo 4C ha, finalmente, tolto il suo velo per scoprirsi agli appassionati del Salone dell’Auto di Ginevra 2013.

Un grande sentimento comune sembrava aleggiare nello stand Alfa Romeo alla presenza di tre esemplari (uno, molto sportivo, in colore rosso, uno molto elegante in colore grigio Titanio e un esemplare di 4C Launch Edition in colore Bianco Carrara): un grande punto di domanda.

IL PUNTO

L’Alfa Romeo, nel mondo, ha la fortuna di godere di un primato di stima e ammirazione più grande di quanto si possa pensare. La passione degli alfisti copre tutte le fasce d’età ma, dati i pessimi risultati degli ultimi anni, sono soprattutto i modelli con “qualche anno in più” a riscuotere successo nell’immaginario. La passione per “l’ex” marchio milanese, insomma, chiama a sé come “vere Alfa” soprattutto i modelli d’epoca.

E ora l’Alfa Romeo irrompe sulla scena con un’auto iper sportiva: piccola, estrema, due posti, molto costosa (60.000 euro la Launch Edition).

L’impressione, in sostanza, è che l’Alfa Romeo 4C voglia essere un modello indirizzato a una clientela molto giovanile ma ben pochi avranno la fortuna di godere, contemporaneamente, di un portafogli così “pesante” e una schiena così in forma.

MA COM’E’?

Il motore posteriore-centrale e le dimensioni molto compatte le danno un’aria molto inglese. Guardando lei è estremamente difficile non pensare a una Lotus. Ma questa dovrebbe essere, soprattutto in vista del rilancio negli States, una piccola bandiera della sportività italiana, non di quella britannica.

Ciò detto possiede un look aggressivo ma sembra, in alcuni punti, peccare di qualità. Vicino a lei, nello stand, campeggia la monoscocca in fibra di carbonio, un particolare che esercita certamente un grande fascino e lascia supporre che sia capace di prestazioni fuori dal comune.

Del resto, con 240 Cv e meno di 960 kg di peso…

Condividi
Alvise-Marco Seno
Esperto di Marketing, Comunicazione e storia dell'automobile, giornalista/fotografo freelance, da sempre coltiva la passione per le auto sportive e d'epoca, l'orologeria meccanica e la fotografia. Dopo la laurea in Scienze Economiche si è trasferito a Milano. Oggi lavora nel settore dell'Automotive e collabora con riviste nazionali e internazionali (sia carta, sia web) nel settore automobilistico, lusso, e orologi.