Condividi

QUANDO LA DANZA DELLE ORE E’ PERFEZIONE. ANIMAZIONE DI QUADRANTI O NOVITÀ DI METALLO SONO I LEIT-MOTIV DELLE NOVITÀ PATEK PHILIPPE A BASELWORLD 2017. SI AGGIUNGONO ALLA CARRELLATA DI AGGIORNAMENTI, UNA SERIE DI PRIME ASSOLUTE.

REF. 5320

La prima grande novità di Patek a Baselworld 2017 interessa la Referenza 5320: questa presenta un calendario perpetuo con un nuovo look presentato in una nuova cassa monoblocco in oro bianco, necessario per realizzare alcune lavorazioni particolari come lo stacco, molto netto, tra la cassa stessa, l’ansa e il triplo scalino. Il quadrante, colore Crema, ricorda gli orologi degli Anni 50 e 60 e il vetro, molto spesso, poggiando direttamente sul quadrante ricorda gli orologi vintage in cui la copertura era tipicamente in plexiglas. Lo stesso vale, infine, per indici e lancette, caratterizzati da un aspetto particolare. Monta, a differenza di altri calendari perpetui, il calibro 324, uno dei movimenti base della produzione Patek. E’ un calibro autromatico con generosa massa oscillante centrale, utilizzato anche sulla linea Nautilus e Calatrava.

REF. 5940

Ancora nell’ambito dei calendari perpetui, Patek presenta un modello con cassa coussin, ref. 5940, con la cassa in oro rosa che si aggiunge all’oro bianco e all’oro giallo (quest’ultimo prossimo all’uscita di produzione). Monta il calibro 240, movimento base della produzione Patek con micro rotore, concepito da Philippe Stern 40 anni fa per colmare il vuoto di un movimento molto sottile nel catalogo della maison.

REF. 6006

La nuova Ref. 6006 di Patek Philippe sostituisce a listino la Ref. 6000. Quest’ultimo era un modello fuori dalle righe rispetto al rigorismo della produzione, molto pulito, solo tempo e con quadrante chiaro che ricorda il cruscotto di un’automobile. Il nuovo prodotto è caratterizzato da una cassa leggermente maggiorata, 2 mm in più rispetto al suo predecessore. E’ declinato in una unica versione in oro bianco e quadrante nero. Monta il calibro 240. Mostra un design decisamente particolare, che strizza l’occhio agli appassionati che ricercano un’immagine anticonformista da un segnatempo di altissimo lignaggio.

REF. 5170

Due ulteriori interpretazioni riguardano il Classic Chrono, Referenza 5170, con carica manuale (movimento di manifattura con 6 brevetti). Viene introdotta una versione in platino con indici baguette. Il quadrante è di colore blu, più chiaro al centro e con la tendenza a scurirsi verso l’esterno. L’ulteriore particolarità è la presenza della scala tachimetrica che sostituisce la pulsometrica.

REF. 5960

Un’ulteriore novità riguarda la Ref. 5960, cronografo con calendario annuale. Presentato con cassa in platino nel 2006, e allargatosi a ulteriori versioni, viene ora razionalizzato e si presenta in listino unicamente con cassa in oro bianco e quadrante blu opaco dove spiccano con intensità le indicazioni del crono sia le lancette di colore rosso. Di questo modello è disponibile anche una versione in acciaio (con bracciale dello stesso materiale) con quadrante nero.

REF. 5078, 5178

Sul tema delle grandi complicazioni le novità di Patek Philippe riguardano la Ref. 5078 e 5178, modello con ripetizione minuti. La gamma è stata aggiornata eliminando dal listino le precedenti versioni in platino e oro rosa. Rimangono due sole versioni, caratterizzate dal quadrante in smalto, e differenziati sul piano melodico: uno con timbro “normale”, uno con timbro cattedrale. E’ interessante sottolineare che tutti i ripetizione minuti prodotti vengono, prima della consegna finale al cliente, validati personalmente da Thierry Stern (come il nonno e come il padre) in una sessione di ascolto dedicata (e di ogni esemplare viene registrato e archiviato il suono; questo è ulteriormente utile in caso di rientro del pezzo per revisione e manutenzione).

REF. 5372P-010, 5372P-001

Sul cronografo sdoppiante con cassa coussin, Patek Philippe razionalizza la produzione e inserisce il movimento all’interno di una cassa tonda (Ref. 5372P-010 con quadrante beige, Ref. 5372P-001 con quadrante blu) le cui parti lucide o satinate sono il risultato di una complessa lavorazione.

AQUANAUT: REF. 5168G-001, REF.5650

Quest’anno si festeggiano i 20 anni della collezione Aquanaut. Questo importante traguardo viene feteggiato con un modello in versione “jumbo” – Ref. 5168G-001 – molto grande per gli standard Patek (40,8 mm) – un più grande rispetto alle proporzioni canoniche, in oro bianco e quadrante blu. Vi si aggiunge una versione speciale in 500 pezzi, appartenente alla collezione Advanced Research, e che riguarda la versione Travel Time dotata di secondo fuso orario. Questo modello, Ref. 5650, E’ equipaggiato con un meccanismo di regolazione del doppio fuso orario – tramite pulsante – dotato di una nuova guida flessibile che sostituisce il vecchio dispositivo con due diverse parti (35 componenti) con movimento indipendente. A loro volta assemblate su un micro ponte, Patek sostituisce tutto il blocco sfruttando l’elasticità dell’acciaio e creando un unico componente con parti sottilissime che va a sostituire tutti e due i blocchi. Il risultato è che i componenti scendono da 35 a 12. L’ulteriore innovazione è la spirale. Nel 2006 Patek ha presentato la spirale Spiromax in silicio. Ora, all’interno della spirale, è stata aggiunta una nuova curvatura che controbilancia gli effetti della gravità aumentando la precisione e le regolarità di funzionamento (+1/-2 secondo le misurazioni di Patek).

LE ALTRE NOVITA’

REF. 5072R-001

REF. 7118/1A-010, 7118/1A-011

REF. 4947G-010

REF. 5316P-001

REF. 7130G-014

REF. 7140G-001

REF. 5396R-014, 5396R-015

REF. 5131/1P-001

GLI SPECIALI DI 0-100.IT - BASELWORLD 2017

Gli Speciali di 0-100.it: Baselworld 2017