Condividi

ARRIVA LA “MUSO LUNGO” CON PIU’ BAULE? SI INTENSIFICANO LE IPOTESI SUL PRIMO MODELLO DELLA GAMMA MCLAREN SPORTS SERIES, LA BABY CHE DOVRA’ AUMENTARE SIGNIFICATIVAMENTE LE VENDITE. UN GIORNALE OLANDESE PROFETIZZA SI CHIAMERA’ 570S. IN ARRIVO ANCHE LA SPIDER, UNA VERSIONE CON MAGGIORE SPAZIO PER I BAGAGLI E UNA SPORTIVA COME MODELLO TOP DI GAMMA.

Manca un mese al Salone dell’Auto di New York e, in quell’occasione, McLaren lancerà la terza linea di modello, denominata Sports Series. C’è grande attesa per il primo modello della nuova gamma, il primigenio progetto McLaren P13 del quale si sono visti, a più riprese, numerosi prototipi negli ultimi mesi.

Come si chiamerà la nuova auto? La curiosità è tanta. L’olandese De Telegraaf pronostica che si chiamerà McLaren 570S, dove il codice numerico, come definito dal brand, andrà a indicare la potenza massima del motore.

Questo, in particolare, dovrebbe essere ancora il propulsore M838T, il V8 3.8 biturbo che ha esordito sulla Mp4-12C e, via-via, si è articolato in una serie di versioni che sono andate ad equipaggiare tutti i nuovi modelli: 650S con 650 cavalli, 625C per il mercato asiatico con 625 Cv, P1 con (per l’aggiunta di un motore elettrico) 916 Cv e 675LT con 675 Cv (nell’ultimo caso il propulsore, molto modificato, ha ricevuto una nuova denominazione tecnica: M838LT).

Sempre secondo De Telegraaf la fantomatica McLaren 570S sarà presentata in iniziale versione coupé e sarà successivamente seguita da una versione spider. Più avanti arriverà un terzo modello in configurazione “GT” cioè leggermente più confortevole e con “maggiore spazio per i bagagli” e una quarta versione, la più sportiva della gamma.

La 570S, che McLaren si aspetta porti una grande spinta alle vendite (2.000 – 2.500 esemplari), andrà a porsi come alternativa a Porsche 911, Aston Martin V8 e Mercedes AMG-GT.

Condividi
Alvise-Marco Seno
Esperto di Marketing, Comunicazione e storia dell'automobile, giornalista/fotografo freelance, da sempre coltiva la passione per le auto sportive e d'epoca, l'orologeria meccanica e la fotografia. Dopo la laurea in Scienze Economiche si è trasferito a Milano. Oggi lavora nel settore dell'Automotive e collabora con riviste nazionali e internazionali (sia carta, sia web) nel settore automobilistico, lusso, e orologi.