Condividi

RALPH LAUREN OFFRE UNA LEZIONE DI STILE. LO STILISTA AMERICANO VINCE IL PRIMO PREMIO DELLA GIURIA CON, FORSE, LA PIU’ PREZIOSA VETTURA DA COLLEZIONE AL MONDO, PIU’ DELLA STESSA FERRARI 250 GTO.

Il Concorso d’Eleganza di Villa d’Este ha incoronato vincitrice della Coppa d’Oro uno dei quattro esemplari prodotti della Bugatti Type 57 SC Atlantic, progettata nel 1938 da Jean Bugatti, figlio del fondatore Ettore Bugatti.

L’Atlantic fu “anticipata” da un prototipo presentato al Salone dell’Auto di Parigi del 1935 conosciuto come Aerolithe. La sua caratteristica meccanica principale fu la carrozzeria in una lega di magnesio conosciuta come Elektron. Si tratta di un metallo non saldabile. Ecco perché tutta la carrozzeria è un vero trionfo di rivettatura.

La vettura, portata in concorso dallo stilista americano Ralph Lauren, è il quarto costruito e contrassegnato dal numero di telaio 57591, conservato in condizioni originali, venduto per la prima volta all’inglese Richard Pope.

Si racconta che questi fosse stato totalmente conquistato da quest’auto e che con lei abbia percorso oltre 60.000 km in 30 anni. Dopo numerosi passaggi di proprietà, questa vettura fu acquistata da Ralph Lauren nel 1988, che la sottopose a un profondo restauro e la presentò al concorso di Pebble Beach in California nel 1990 (vincendo il primo premio).

E’ equipaggiata con un motore 8 cilindri in linea da 3,3 litri con compressore volumetrico Roots che fornisce una potenza di circa 210 Cv e può superare 200 km/h di punta massima.

Chi l’ha potuta guidare dice di lei che le sue caratteristiche di guida sono opposte rispetto al suo stile straordinario: scarsa visibilità, motore “complesso” e un caldo infernale prodotto dalla scarsa capacità di ventilazione in abitacolo.

Oggi sopravvivono, dei 4 esemplari costruiti, solo 2 originali (e la Type 57 SC Atlantic di Ralph Lauren è uno di loro).

Secondo le informazioni disponibili, la Atlantic potrebbe essere considerata l’automobile d’epoca più preziosa al mondo. Si racconta infatti, che nel 2010 fa il secondo esemplare considerato “originale” sia passato di mano per una cifra vicina a 40 milioni di dollari.

Condividi
Alvise-Marco Seno
Esperto di Marketing, Comunicazione e storia dell'automobile, giornalista/fotografo freelance, da sempre coltiva la passione per le auto sportive e d'epoca, l'orologeria meccanica e la fotografia. Dopo la laurea in Scienze Economiche si è trasferito a Milano. Oggi lavora nel settore dell'Automotive e collabora con riviste nazionali e internazionali (sia carta, sia web) nel settore automobilistico, lusso, e orologi.