Condividi

MEGLIO LA DINO 206S. IL DESIGNER ANDRUS CIPRIAN MESCOLA LAMBORGHINI E FERRARI PER OTTENERE UNA CONCORRENTE DELLA LAMBO VENENO. MA SECONDO NOI E’ PIU’ SIMILE A UNA DINO 206 S MODERNA. CHE NE PENSA FERRARI DI UNA “FERRARINA”?

Il designer Andrus Ciprian immagina la Verus V2.0, una Ferrari che possa ergersi a competitor della Lamborghini LP750-4 Veneno.

Per il suo design l’ispirazione arriva in parte dalla stessa hypercar di Sant’Agata prodotta in soli 3 esemplari ma anche dalle ultime creazioni sensazionali della casa di Maranello come la Ferrari LaFerrari e la meravigliosa P4/5 di Pininfarina del collezionista americano Jim Glickenhaus.

E’ equipaggiata con un motore 12 cilindri che sviluppa 780 Cv ed è integrato con un sistema HY-KERS, lo stesso montato sulla LaFerrari, che fornisce potenza aggiuntiva o motricità ibrida per abbassare consumi ed emissioni.

UNA FERRARINA?

A ben guardare, però, le proporzioni della Ferrari Verus V2.0 suggeriscono un corpo vettura particolarmente compatto. Viene in mente, così, una Ferrari da corsa molo famosa, la Dino 206 S disegnata da Pininfarina.

La minuta coupé di Maranello, progettata per essere una specialista dei misti veloci e delle corse in salita, era equipaggiata con un piccolo 6 cilindri a V di 65° e di 2 litri di cilindrata.

In effetti, la possibilità di realizzare una “Ferrarina“, oggi, c’è tutta. Un simile concetto non è assolutamente nuovo a Maranello. Negli Anni 60 fu infatti esplorato, con il progetto Ferrarina del 1959 su base Fiat 1200 e con la ASA 1000, prodotta a Lambrate alle porte di Milano.

L’Alfa Romeo 4C, infatti, fornirebbe una perfetta base di partenza: un rigido telaio meccanizzato in fibra di carbonio.

Se, inoltre, il noto motore V12 di 6,3 litri che equipaggia F12Berlinetta, FF e la LaFerrari venisse “segato in due” si produrrebbe un piccolo V6 da 3,15 litri che, “forse” potrebbe trovare posto dove attualmente la 4C ospita il 4 cilindri turbo 1.750 della Giulietta Quadrifoglio Verde.

Del resto, che il progetto Alfa 4C sia modulare è noto: sia Maserati, sia Abarth progettano di utilizzare questo layout per riproporre modelli molto sportivi in linea con il loro heritage.

Condividi
Alvise-Marco Seno
Esperto di Marketing, Comunicazione e storia dell'automobile, giornalista/fotografo freelance, da sempre coltiva la passione per le auto sportive e d'epoca, l'orologeria meccanica e la fotografia. Dopo la laurea in Scienze Economiche si è trasferito a Milano. Oggi lavora nel settore dell'Automotive e collabora con riviste nazionali e internazionali (sia carta, sia web) nel settore automobilistico, lusso, e orologi.