Condividi

LUSTRO AL CINEMA ITALIANO GRAZIE ALLA MAGIA DELLA FABBRICA DEI SOGNI. IN OCCASIONE DELLA 67ESIMA EDIZIONE DEL FESTIVAL DI CANNES, CON LA MOSTRA FOTOGRAFICA “BACKSTAGE A CINECITTA’”, VERRA’ PORTATO SULLA CROISETTE L’INDISCUSSO MITO DEGLI STUDI CINEMATOGRAFICI ROMANI.

La mostra-evento, che si terrà presso il Chopard Rooftop, verrà inaugurata il prossimo 14 maggio 2014 in occasione della 67ª edizione del Festival di Cannes.

Questa mostra, che prevede un’esposizione itinerante con diverse tappe internazionali, è stata resa possibile grazie alla collaborazione tra Chopard, partner ufficiale del Festival di Cannes,l’Istituto Luce-Cinecittà (quest’anno si festeggiano i 90 anni dalla fondazione dell’Istituto Luce) e Cinecittà Studios.

Alla mostra fotografica”Backstage a Cinecittà”si potranno ammirare ritratti in posa e istanti rubati di attori e attrici colti sia fuori dal set sia nel bel mezzo delle riprese negli storici stabilimenti di via Tuscolana, a Roma.

Cinecittà è un complesso di studi cinematografici costruito nel 1937 a sud di Roma; qui sono stati girati quasi 3.000 film e, una cinquantina di questi, hanno pure ottenuto l’Oscar.

E’ sufficiente ricordare capolavori come La Dolce Vita, Ben Hur, Guerra e Pace, Cleopatra o Il Gattopardo e star della pellicola del calibro di Sophia Loren, Marcello Mastroianni, Anita Ekberg, Alain Delon, Charlton Heston o Audrey Hepburn.

In questa vera e propria “galleria dei ricordi”, attraverso 28 scatti, si cercherà di svelare l’era d’oro di Cinecittà raccontando il genio creativo e il glamour che contraddistinse gli Anni 50 e 60 tra paparazzi, occhiali da sole e l’italianissima Vespa.

Tra gli scatti in mostra i cinefili e i nostalgici di quell’epoca potranno ammirare Ingrid Bergman e Roberto Rossellini che commentano lo script di Viaggio in Italia (1953), Luchino Visconti che, appollaiato su uno sgabello e con aria assorta, dirige una sequenza di Rocco e i suoi fratelli (1960), Fernandel vestito da Don Camillo che continua il suo show anche quando non è ripreso dalla telecamera (1952), Charlton Heston che, con indosso i brandelli del costume di Ben Hur, inforca una Vespa (1959) e Henry Fonda che si concede un rigenerante pisolino tra due scene di Guerra e Pace (1955).

Tra le foto in bianco e nero dellla “città delle dive” non si può non citare la foto che vede Ava Garner mentre, aiutata da una costumista, si sistema l’abito di scena per le riprese de La Contessa scalza (1954) o Brigitte Bardot che sogna sorseggiando una tazza di tè (1955).