Condividi

VERDE DI RABBIA. “L’ARTE” DEL TUNING INCONTRA LA RAFFINATEZZA MECCANICA: SCARICO PIU’ MELODICO E MECCANISMO DI SOLLEVAMENTO DEL MUSO. IL TUTTO INCORNICIATO DA UN DESIGN OLTREMODO VISTOSO.

TechArt presenta al Salone dell’Auto di Ginevra 2013 il suo programma di personalizzazione per la Porsche 991 Carrera 4. Storicamente focalizzato sulla personalizzazione estetica e sul’evoluzione della meccanica (TechArt è stato fornitore ufficiale Porsche per certi componenti dell’abitacolo) ma senza trasformare il motore in una belva impazzita, il tuner di Leonberg ha sviluppato un kit di personalizzazione che, oltre a una nuova estetica, aggiunge alcuni componenti meccanici interessanti.

DESIGN ESTERNO
Verniciata in un vistoso colore verde Smeraldo che omaggia le Porsche degli Anni 70, la 991 Carrera 4 dopo la cura estetica TechArt sfoggia uno stile smisuratamente teutonico: nuovi paraurti (l’anteriore con splitter inferiore, il posteriore con estrattore), nuove minigonne, nuove calotte per fari (in nero opaco) e indicatori laterali di direzione, nuovo spoiler posteriore, distanziali, nuove ruote da 20 o 21″ Formula III in colore nero.

Secondo TechArt a 140 km/h lo splitter anteriore riduce la portanza di 5 kg mentre mentre quello posteriore esercita un carico aggiuntivo di 17,5 kg. Questo valore aumenta con l’incrementare della velocità e può arrivare fino a generare una forza verso il basso pari a 76 kg.

TECHART Exhaust System Racing
Il nuovo impianto di scarico, collegato al pulsante “di serie” posto sulla plancia, migliora nettamente la performance acustica della Elfer. E’ naturalmente abbinato a terminali di scarico cromati o satinati, che possono essere acquistati anche singolarmente per andare, semplicemente, ad abbellire il largo porta-piume di una 911.

TECHART Noselift System
Il dispositivo associato alle sospensioni anteriori alza il muso di 60 mm consentendo migliore libertà di manovra. Il sistema abbassa automaticamente l’anteriore una volta raggiunti 60 km/h.

ABITACOLO
Il modello che vedremo al Salone di Ginevra esprime anche nell’abitacolo la creatività e l’attenzione al dettaglio del marchio tedesco.

L’interno è completamente rivestito in pelle nera (i sedili sono ulteriormente impreziositi dall’Alcantara sui fianchi) e impreziosito da cuciture a contrasto in tinta Verde Smeraldo. Naturalmente si può optare anche per sedili sportivi con schienale verniciato nello stesso colore verde. Ulteriori personalizzazioni riguardano la strumentazione (pure di colore verde), volante di nuovo disegno, sportello del vano portaoggetti sul tunnel con logo TechArt, placche sul brancardo delle portiere.

Condividi
Alvise-Marco Seno
Esperto di Marketing, Comunicazione e storia dell'automobile, giornalista/fotografo freelance, da sempre coltiva la passione per le auto sportive e d'epoca, l'orologeria meccanica e la fotografia. Dopo la laurea in Scienze Economiche si è trasferito a Milano. Oggi lavora nel settore dell'Automotive e collabora con riviste nazionali e internazionali (sia carta, sia web) nel settore automobilistico, lusso, e orologi.