Condividi

SPAGHETTI AL “SUGT”. DOPO L’AUDI E-TRON QUATTRO CONCEPT DI FRANCOFORTE 2015 ECCO LA SPORT UTILITY GRAN TURISMO SVILUPPATA SULLE FORME DELLA A7 SPORTBACK (IN REALTA’ SEMBRA ANTICIPARE LA Q8). ARRIVERA’ SUL MERCATO NEL 2019, UN ANNO DOPO IL SUV “MENO” SPORTIVO.

Il Drivetrain ibrido elettrico di Audi sarà sul mercato nel 2018 su un modello SUV di grandi dimensioni. La strategia di avvicinamento a questa nuova filosofia di produzione è già iniziata con la presentazione della e-Tron quattro vista a Francoforte lo scorso settembre 2015. Dopo di lei, nel 2019, Audi porterà la tecnologia di propulsione elettrica anche su una carrozzeria più sportiva, anticipata dalla possente e-tron Sportback Concept.

La presentazione in anteprima mondiale a Shanghai non è un caso: la Cina è il primo mercato mondiale per l’automobile elettrica con circa 150.000 stazioni di ricarica installate in tutto il Paese, cui se ne aggiungeranno altre 100.000 entro fine anno. Nei prossimi 5 anni Audi introdurrà sul mercato cinese 5 modelli ibridi con tecnologia e-Tron e, tra questi, vetture a propulsione completamente elettrica. La e-Tron Sportback è parte integrante del programma.

E’ lunga 490 cm, larga 198 e alta 153, con un passo di 293 centimetri. Il gruppo motopropulsore è lo stesso della e-tron quattro concept: un motore elettrico anteriore, due motori elettrici posteriori, un pacco batterie al litio sul pianale tra gli assi. La potenza massima, 434 cavalli, le consentono un’accelerazione 0-100 in appena 4″5 ma, ancora più significativa, è l’autonomia di marcia: 500 chiliometri.

Il design massiccio della e-Tron Sportback propone forme muscolose ma fa a meno, naturalmente, di grandi prese d’aria e lascia il posto a superfici “piene” che le danno un’apparenza scultorea. Sul grande frontale trovano posto oltre 250 Led per creare una grande opportunità di stili di illuminazione. Mancano gli specchi laterali, sostituiti da piccole telecamere.

L’abitacolo segue il paradigma della semplicità:  l’obiettivo è stato di ridurre i controlli e sostituire plance e attuatori con schermi touch per il controllo delle funzioni di bordo: oltre alla strumentazione completamente digitale – quindi – ci sono anche due schermi al centro della plancia e uno alla sinistra del piantone dello sterzo.