Condividi

MENU A-LA-KART. AL NAIAS 2014 ARRIVA LA VERSIONE PIU’ PICCANTE DELLA NUOVA MINI. LA JOHN COOPER WORKS CONCEPT E’ ABBASTANZA “TABBOZZA” PER ATTIRARE L’ATTENZIONE. IL MARCHIO, PER ORA, NON FORNISCE ULTERIORI DETTAGLI MA CI ASPETTIAMO UN MOTORE CONSONO A UN’IMMAGINE COSI’ DINAMICA.

Si fa presto a passare dalla compattezza alla sportività. Dimensioni contenute significano leggerezza e agilità. La MINI ha, da sempre, “anche” quest’immagine. La piccola utilitaria britannica, infatti, ha vinto per 3 volte (1964, ’65 e ’67) il Rally di Montecarlo, sbaragliando concorrenza ben più forte.

Nell’epoca della MINI moderna by BMW l’immagine sportiva della Cooper S entra in una dimensione ancora più estrema con il programma John Cooper Works.

Al Salone di Detroit 2014 la nuova MINI Model Year 2014, progetto F56, si presenta in versione John Cooper Works Concept introducendo, per ora con un accento sui suoi contenuti estetici, le novità di questa versione.

La nuova generazione della compatta premium anglo tedesca presenta numerose novità: passo più lungo, carreggiate più larghe, peso diminuito, aerodinamica migliorata e motori più potenti.

Tutte queste novità si traducono, nella Cooper S John Cooper Works, in caratteristiche ancora più “premianti” in termini di guidabilità e carattere sportivo.

Il Kit estetico che definisce la personalità della John Cooper Works è adeguato alla circostanza. La carrozzeria si presenta con un colore grigio Bright Highways con finitura satinata, accenti rossi sul tetto, specchi laterali e spoiler posteriore, bande rosse sul cofano e sul baule, cerchi in lega di grande diametro, pinze freno di colore rosso.

L’immagine aggressiva è sottolineata da prese d’aria maggiorate all’anteriore, minigonne laterali, spoiler posteriore, estrattore, doppio scarico centrale cromato con silenziatore John Cooper Works.

Condividi
Alvise-Marco Seno
Esperto di Marketing, Comunicazione e storia dell'automobile, giornalista/fotografo freelance, da sempre coltiva la passione per le auto sportive e d'epoca, l'orologeria meccanica e la fotografia. Dopo la laurea in Scienze Economiche si è trasferito a Milano. Oggi lavora nel settore dell'Automotive e collabora con riviste nazionali e internazionali (sia carta, sia web) nel settore automobilistico, lusso, e orologi.