Condividi

QUANDO R E’ MEGLIO DI NISMO. LA CREATIVITA’ INGLESE DA’ AMPIO SFOGGIO DEGLI INFINITI ESITI CHE PUO’ RAGGIUNGERE. LA SI DEFINISCA INUTILE, ASSURDA E RIDICOLA DAL PUNTO DI VISTA DEI COSTI, QUEST’AUTO E’, PRIMA DI QUALSIASI GIUDIZIO, INCREDIBILE. PROCEDURA: SI PRENDONO UNA QASHQAI +2 E UNA GT-R E LE SI RIDUCONO A NUDA SCOCCA. SI PRENDE IL PIANALE DELLA GT-R E LO SI UNISCE ALLA CARROZZERIA AUTOPORTANTE DELLA QASHQAI. QUINDI INIZIA IL MONTAGGIO DELLA MECCANICA DELLA GT-R (NEL FRATTEMPO PREPARATA FINO A 1.000 CAVALLI). OBBIETTIVO: UNA NISSAN QASHQAI +2R CHE COPRE LO 0-100 IN 2″5.

Severnvalley Motorsport, che si auto-celebra come il miglior tuner al mondo su Nissan GT-R ha iniziato lo scorso marzo un progetto quantomeno interessante: unire la carrozzeria di una Nissan Qashqai +2 alla meccanica della Nissan GT-R. Quindi preparare il motore della GT-R e ottenere una Nissan Qashqai +2R “apocrifa”, ideale sorella maggiore della Nissan Juke R.

Il progetto è iniziato lo scorso marzo: il tuner inglese ha acquistato una Nissan Qashqai +2 nuova di zecca e l’ha completamente smontata fino alla nuda scocca.

Parallelamente i tecnici della factory eseguivano le stesse operazioni su una Nissan GT-R.

Quindi è avvenuto il “matrimonio“: una volta separati anche i pianali dalla carrozzeria autoportante, il pianale della GT-R è stato unito alla carrozzeria della Qashqai.

Nel frattempo, però, Severnvalley Motorsport è intervenuta pesantemente sulla meccanica della GT-R per arrivare a produrre 1.000 Cv.

LA SITUAZIONE OGGI

Il matrimonio delle due parti strutturali è avvenuto e la Nissan Qashqai +2R è in fase di riassemblaggio. L’obbiettivo è mantenere il più possibile l’estetica originale del crossover Nissan ma, d’altro canto, produrre una Qashqai in grado di competere dinamicamente (e, soprattutto, dal punto di vista delle prestazioni) con la Bugatti Veyron.

Condividi
Alvise-Marco Seno
Esperto di Marketing, Comunicazione e storia dell'automobile, giornalista/fotografo freelance, da sempre coltiva la passione per le auto sportive e d'epoca, l'orologeria meccanica e la fotografia. Dopo la laurea in Scienze Economiche si è trasferito a Milano. Oggi lavora nel settore dell'Automotive e collabora con riviste nazionali e internazionali (sia carta, sia web) nel settore automobilistico, lusso, e orologi.