Condividi

MILANO CAPITALE DEL DESIGN AUTOMOBILISTICO. LA GIURIA CHE HA VALUTATO I PRODOTTI CHE CONCORRONO PER IL COMPASSO D’ORO HA POTUTO VALUTARE, IN UNA SEDUTA STRAORDINARIA, LE VETTURE SELEZIONATE PER IL PREMIO. A MILANO SI SONO COSì RITROVATE ALCUNE DELLE VETTURE PIU’ SIGNIFICATIVE PRODOTTE NEGLI ULTIMI ANNI DAI NOMI PIU’ ALTISONANTI DEL DESIGN ITALIANO.

Il 6 e il 7 aprile la giuria internazionale del XIII Compasso d’Oro 2014 ha valutato decine di prodotti selezionati per la vittoria dell’ambito premio che svetta tra i riconoscimenti italiani per il design. Tutti gli oggetti saranno esposti fino alla fine di maggio presso gli spazi Ex-Ansaldo di Via Tortona a Milano.

Putroppo, a causa di difficoltà logistiche, l’esposizione non ha permesso di esporre anche le automobili appartenenti alla categoria Design per l’Ambiente.

Grazie, tuttavia, le pressanti insistenze dei marchi interessati e coinvolti nella competizione, l’organizzazione del premio ha organizzato, domenica scorsa, una seduta d’esame anche per le vetture.

0-100.it, eccezionalmente presente all’Evento, può così documentare un piccolo ma straordinario display delle vetture che concorrono alla conquista del compasso d’oro:

Alfa Romeo Giulietta
Alfa Romeo TZ3 Stradale (si tratta di uno dei 9 esemplari allestiti da Zagato per altrettanti clienti speciali alla ricerca di un’auto d’Atelier)
Aston Martin V12 Zagato (una delle 99 vetture prodotte a Gaydon su design tracciato dallo storico marchio milanese in collaborazione con la Casa Madre britannica)
Ferrari F12 Berlinetta (è intervenuto un esemplare di pre-serie con una affascinante verniciatura in grigio opaco)
Giugiaro Brivido (è stata presentata al salone di Ginevra 2012; è realizzata su una scocca Volkswagen con motorizzazione ibrida)
Pininfarina Cambiano (presentata ufficialmente a Ginevra 2012).