Condividi

STORIA, MAESTRA DI VITA. AL SALONE DI GINEVRA DOVREBBE ESSERE ESSERE ISTITUITA, OBBLIGATORIAMENTE, LA PRESENZA DI UNA VETTURA STORICA NELLO STAND DI OGNI COSTRUTTORE PER DARE ALL’AUTOMOBILE TUTTO IL “PESO” CULTURALE CHE MERITA. E QUANDO I BRAND VOGLIONO MOSTRARE AL PUBBLICO QUALCHE CAPITOLO DELLA LORO STORIA, ESPONGONO SEMPRE E SOLO IL MEGLIO.

La coppa di miglior brand nella salvaguardia e promozione della propria tradizione, al salone di Ginevra 2015 dovrebbe essere assegnato a Ford. Il marchio dell’ovale ha esposto, tra le sue novità, una Ford Escort RS Mk1 e una Ford GT40 MK3 stradale del 1969, (8 esemplari prodotti) rispettivamente le capostipiti della corrente produttiva che ha portato, oggi, alla Ford Focus RS e alla favolosa GT V6 Ecoboost Concept.

La GT40 non è, probabilmente, la più preziosa. Due vetture si contendono lo scettro di tesoro del salone: la McLaren F1 Coda Lunga del 1998 (solo 3 esemplari prodotti), esposta nello stand del costruttore per omaggiare la nuova McLaren 675LT, e la Mercedes 300 SL Gullwing del 1955 “417” (la cui impresa ha ispirato la Mercedes SL 417 Special Edition) la vettura che vinse la categoria GT alla Mille Miglia di quell’anno.

Da segnalare anche la presenza di una affascinante Citroen DS nello stand del costruttore accanto alla nuova DS5, una Borgward Isabella presentata nel grande, ma vuoto, stand del redivivo marchio tedesco, le Mercedes del programma Brabus Classic (una 300 SL Roadster, una 300 Cabriolet e una 280 SL Pagoda), e l’Alfa Romeo 2000 Sport Spider Prototipo del 1954, rimasta un esemplare unico.

Speciale-Ginevra-2015-0-100_small

Gli Speciali di 0-100.it: Salone di Ginevra 2015