Condividi

SI AVVICINA SEMPRE DI PIÙ IL DEBUTTO DELLA MAGNUM MK5, LA SUPERCAR COSTRUITA DALLA CANADESE MAGNUM CARS COME COMPENDIO DI 43 ANNI DI STORIA VISSUTI INTENSAMENTE NEL MONDO DELLE CORSE. UN’IMMAGINE TEASER E UN VIDEO TEASER CI RACCONTANO ALTRI DETTAGLI DELLA NUOVA AUTO ALZANDO IL LIVELLO DI CURIOSITÀ E ASPETTATIVA.

Immagini e video rilasciati fino a questo momento ci raccontano già parecchie cose: la Magnum MK5 (che i comunicati ufficiali valorizzano molto in tema di leggerezza) sarà una barchetta con un’impostazione molto classica, tipica delle auto da corsa Anni 50 e 60 (Maserati 300S450S, Tipo 60/61 Birdcage, Ferrari 375 MM, Mercedes W196, Jaguar D-Type…): motore anteriore centrale, abitacolo molto arretrato, coda estremamente compatta.

Mentre le immagini scorrono un velo dolcemente accarezza i volumi geometrici della carrozzeria scoprendo la vettura e alcuni interessanti dettagli. Si vedono i parafanghi anteriori molto pronunciati, l’abitacolo scoperto con lo specchio laterale, la coda spiovente con il logo aziendale.

Il corpo vettura molto basso e con volumi improntati alla massima efficienza denunciano una grande attenzione all’aerodinamica.

Magnum stessa, nel suo primo annuncio di qualche giorno fa, ha infatti già “sparato alto” definendo la sua creatura un’auto, di fatto, eccezionale, una specie di “nuovo punto di riferimento” nella nicchia delle supercar stradali con tutte le capacità di un’auto da pista.

UN COMPITO MOLTO DIFFICILE. MA NON IMPOSSIBILE

Logico attendersi, quindi, “qualcosa” a livello di Porsche 911 GT3, Lotus Exige, Gumpert Apollo, TVR Sagaris, Radical RXC o SR3, Ginetta G4, Caterham Seven, Ferrari 430 Scuderia, Viper ACR, BMW M3 GTS.

Citando questi pochi esempi, è chiaro che il compito della Magnum MK5 non sarà semplice ma è certo che con un curriculum così concentrato sul mondo delle competizioni, le premesse per presentare un prodotto convincente al 100% ci sono tutte.

Condividi
Alvise-Marco Seno
Esperto di Marketing, Comunicazione e storia dell'automobile, giornalista/fotografo freelance, da sempre coltiva la passione per le auto sportive e d'epoca, l'orologeria meccanica e la fotografia. Dopo la laurea in Scienze Economiche si è trasferito a Milano. Oggi lavora nel settore dell'Automotive e collabora con riviste nazionali e internazionali (sia carta, sia web) nel settore automobilistico, lusso, e orologi.